DSCN2178Sommersi. o quasi. Ben ottanta centimetri di neve fresca sono caduti  sulle montagne del torinese, in primis su quelle olimpiche. Neve che sta mettendo a dura prova gli automobilisti e i mezzi sgombra neve che sono impegnati a pieno ritmo per rendere praticabili le strade provinciali e comunali. Sino ad ora in alta valle di Susa e Chisone non si sono verificati gravi incidenti. Solo alcune strade minori sono state chiuse come chiusi ai mezzi pesanti sono i principali valichi alpini come il Monginevro dove possono transitare solo le auto con gomme a neve e catene montate. Intanto sorridono gli operatori del settore sci sia nel comprensorio della Vialattea tra Sestriere, Pragelato, Sauze d’Oulx, Cesana-San Sicario e Claviere , sia in quello di Bardonecchia dove si annuncia un sabato e domenica come non lo si vedeva da tempo. “ Prima era troppo poca- ironizzano i responsabili dei vari comprensori sciistici- adesso è più che abbondante. Per noi a differenza di chi pulisce le strade non è comunque mai troppa. Aspettando il sole- concludono- da domani in aventi cercheremo nei limiti della sicurezza di aprire più piste possibili”.

Amedeo Macagno