Dal 15 luglio il ritiro estivo della squadra tornata in Serie A E’ ormai ufficiale la U.C. Sampdoria effettuerà il suo ritiro estivo nella Perla delle Alpi dal 15 al 29 luglio. Sono centinaia già i pacchetti famiglia e singoli venduti per le ultime settimane di luglio.

Nel corso della conferenza stampa tenutasi a Bardonecchia giovedì 14, presso il Palazzo delle Feste, il sindaco Roberto Borgis, Alberto Marangon U.C.Sampdoria, direttore responsabile Samp Magazine, Adriano Iliffe, presidente B.g.e., e Stefano Abrate, Direttore Tecnico B.g.e. hanno spiegato il perché di questo “sì triennale”. “Ci siamo ritirati per 10 anni in Trentino e i nostri tifosi ci hanno sempre seguiti, anche quando abbiamo passato i nostri “periodi bui”, abbiamo sempre riempito tutti gli alberghi per il periodo estivo con famiglie che si sono fermate anche per parecchi giorni” spiega Marangon “ Abbiamo sentito l’esigenza di avvicinarci ai nostri tifosi blucerchiati e di conseguenza iniziato a prendere dei contatti durante il mese di marzo con il comune di Bardonecchia e B.g.e., quando ancora c’erano in ballo le trattative per un secondo ritiro della Juventus”.

Il sindaco Borgis sottolinea con una battuta “Abbiamo acquisito la Juve durante il suo “periodo nero” e le abbiamo portato fortuna, abbiamo preso accordi con la Samp a pochi giorni dell’ascesa in serie A e come sempre abbiamo funto da “cornetto napoletano” siamo contenti di acquisire una squadra che porterà senza dubbio molti tifosi a festeggiare a Bardonecchia la risalita in A”. Coglie la palla al balzo Marangon “Nel calcio c’è molta scaramanzia e pertanto siamo convinti che questa località ci porterà grandi risultati, vogliamo fare in modo che la cittadinanza e i tifosi possano “vivere” il più possibile a contatto con i nostri calciatori perché il calcio sono soprattutto i tifosi che ci danno la carica per andare avanti”; a questo proposito il presidente di B.g.e. e il direttore tecnico hanno illustrato le modalità mediante le quali si svolgerà il ritiro, con le differenze che intercorrono con l’estate scorsa: “La squadra pernotterà al Ca’ Fiore e non più all’Hotel Rivè, verranno allestiti dirimpetto al Palazzo delle Feste gli stand con i Gadget e in tal senso si cercherà di dar lavoro ai bardonecchiesi e anche ai nostri vicini liguri; all’interno del Palazzo verrà allestita la palestra e la sala massaggi e con molta probabilità cercheremo di rendere meno proibitive le “finestre” allo stesso campo, come per esempio la Passeggiata del canale durante questo ritiro dovrebbe essere aperta -continuano Iliffe e Abrate – verrà allestito dinanzi alla Casa Comunale un palco che fungerà da intrattenimento e presentazioni di varie attività per tutta la durata del ritiro”.

Gli allenamenti saranno gratuiti per tutto il periodo, escluse le due amichevoli che saranno a pagamento. Per quanto riguarda la “visione” delle partite il campo cambierà volto rispetto al ritiro della Juventus, saranno numericamente inferiori le tribune, verrà inserita un’area “vip” con le poltroncine e verrà lasciata un’area verde adiacente al campo in cui sarà possibile sedersi ed assistere in piena libertà alle partite, questo sempre per seguire la filosofia calcistica della Samp che vede nel tifoso un amico e non vuole creare con il suo amico una distanza.

Le prospettive per il ritiro sono davvero delle migliori, e sul sito ufficiale della Sampdoria è stata attivata una pubblicità molto diretta e allettante con una scheda di prenotazione che agevola la ricerca per il pernottamento e per varie attività sportive e culturali parallele al ritiro per i tifosi blucerchiati che hanno anche piacere di conoscere al meglio ilnostro territorio. La Samp ha manifestato la sua gioia per il ritiro bardonecchiese assurgendo la nostra Perla alla “Regina delle Alpi”.

Maria Teresa Vivino Descrizione dell'allegato