C’è il rischio che i fondi risparmiati nel 2006 ora finiscano a Roma per i Giochi 2020 I Comuni Olimpici Montani di Bardonecchia, Cesana T.se, Claviere, Pragelato, Sauze d’Oulx e Sestriere richiedono a tutti i parlamentari piemontesi di produrre ogni sforzo necessario per sbloccare i fondi “risparmiati” dall’Agenzia Torino 2006.

Un’oculata e sabauda gestione delle risorse, come poche volte si è verificato in questo paese rispetto ad eventi di rilevante portata, ha consentito risparmi che devono essere destinati per la gestione degli stessi impianti e per la promozione e valorizzazione turistica dell’area olimpica montana, in un momento particolarmente difficile per le economie locali. Ciò che il Piemonte e l’area olimpica hanno saputo risparmiare rimanga sul territorio.

Ringraziamo per l’impegno finora profuso dalla maggior parte dei parlamentari Piemontesi e chiediamo a tutti di riconoscersi nel disegno di legge relativo in corso di esame nelle commissioni camerali.

Pieno sostegno a coloro che hanno presentato in modo bipartisan la proposta di legge ed al relatore della commissione competente Davide Cavallotto della Lega Nord. Descrizione dell'allegato