Una novtà per l’Azienda sanitaria del territorio. E’ un progetto pilota della Regione Piemonte, per migliorare i servizi ai cittadini. Parte all’Asl To3 la sperimentazione regionale che mette in rete ed integra fra loro sotto un’unica direzione tutte le attività collegate: screening, igiene, sicurezza alimentare e del lavoro, vaccinazioni, educazione alla salute, piani di salute nei distretti. Il progetto è stato presentato lunedì dall’assessore regionale alla sanità Eleonora Artesio e dal direttore dell’Asl Giorgio Rabino.
La prevenzione riguarda un’area di attività e di intervento di importanza fondamentale per la salute dei cittadini: un insieme di attività vastissimo tale da far sì che la Regione approvasse l’avvio di una sperimentazione in alcune Asl piemontesi con una ”Direzione integrata della prevenzione”, con l’obiettivo di integrare e coordinare tutte le attività migliorandone l’efficacia e soprattutto limitando la dispersione dei servizi.
”Per questa sperimentazione, l’Asl T0 3 si trova in una situazione ottimale anche sotto l’aspetto delle risorse investite – sottolinea il direttore generale ASL TO 3 – infatti oggi le Asl del Piemonte investono mediamente il 3,8% mentre noi siamo già al 4,7%. Questo, insieme alla forte collaborazione dei sindaci ed alle risorse professionali presenti in questa azienda ci fanno ragionevolmente ritenere di poter svolgere nella prevenzione una buon lavoro di integrazione dei servizi a favore della salute dei nostri assistiti”.
Responsabile della nuova Direzione Integrata della Prevenzione è il dottor Paolo Laurenti il cui obiettivo è quello di riprogettare i servizi in un’ottica di omogeneità territoriale partendo dalle peculiarità delle vecchie Asl 5 di Collegno e 10 di Pinerolo ormai confluite nella maxi Asl To3.