Un intervento del Ministero dell’Ambiente da 500.000 euro Entro sei mesi la ditta Green Keeper Subalpina Srl dovrà  ultimare il primo lotto dei lavori di sistemazione del Rio Borella che, proveniente dalla montagna, procedeva a zigzag con alcune strozzature attraverso l’abitato e lungo via Condove fino a sfociare di fronte a Borgata Costa.

L’inizio il 15 marzo scorso che prevede un primo impegno di circa 347mila euro e ci consegnerà  un letto pi๠uniforme come sezione, un percorso pi๠rettilineo ed alcuni abbellimenti con scogliere in pietra per le zone a vista. Nei giorni scorsi si è creato un nuovo attraversamento, in prefabbricati di cemento, sotto il cavalcaferrovia della ex S.S.24 in direzione Torino ed a causa di ciò si procede a transito alternato regolato da semafori da circa tre settimane.

Questa serie di lavori affonda le sue radici nel 1999 ed ha avuto la conferma definitiva a seguito dell’evento alluvionale del 2000. Infatti con deliberazione 14 del 26/10/1999 il “Comitato Istituzionale dell’Autorità  di Bacino del Fiume Po” approvava un piano straordinario per le aree a rischio idrogeologico molto elevato, ai sensi della Legge 267 del 3/8/1998, in cui parte del territorio del Comune di Borgone Susa rientrava.

In seguito con deliberazione 1/99 dell’11/5/1999 veniva adottato il PAI (Piano d’Assetto Idrogeologico) che individuava nel nostro territorio ben sei aree a rischio con conoidi: in località  Maometto, Vignecombe , Villavecchia, Costa, San Valeriano e Molere, tutte assegnate alla classe di rischio pi๠elevata. A seguito dell’alluvione, con Decreto Ministero dell’Interno del 17/1/2001, Borgone Susa fu individuato fra i comuni gravemente danneggiati in cui “permane lo stato di emergenza nel territorio”.

L’11 ottobre 2004 l’allora assessore ai Lavori Pubblici Paolo Alpe sollecitava al Ministero dell’Ambiente il finanziamento per 500mila euro delle opere di sistemazione dei rii Borella, Costa e Villavecchia ai sensi dell’Art. 16 della Legge 179/2002 sui dissesti idrogeologici. In seguito l’iter del progetto è proseguito con le Delibere di Giunta 36 del 22/04/2003 (progetto preliminare), 101 del 21/12/2006 (progetto definitivo) e 71 del 15/09/2009 (progetto esecutivo) ed il 2 febbraio c.a. ha visto l’aggiudicazione dei lavori alla Green Keeper di Orbassano.

Siamo soddisfatti : hanno commentato Paolo Alpe, ora Sindaco e Giordano Berta, nuovo assessore ai lavori pubblici : che dopo la costruzione degli argini lungo la Dora Riparia e della messa in sicurezza della zona tra la stessa e la S.S. 25 (in Borgone Via Augusto Abegg N.d.R.) si sia arrivati alla partenza di questi lavori, con finanziamento a totale carico dello Stato e senza alcun onere per i Borgonesi, anche se l’iter burocratico è stato un po’ lungo ma si sa, i tempi tecnici sono questi. Ora contiamo di poter avviare quanto prima le altre opere in programma“.

Alessandro Vacchiotti I lavori a Borgone