Il riconoscimento da un’associazione americana oltre ad una borsa di studio di Telethon GIAVENO – C’è anche un giovane giavenese tra i ricercatori che hanno contribuito a fare passi importanti nella comprensione dei meccanismi patogenetici delle Malformazioni Cavernose Cerebrali (CCM, dette anche angiomi cavernosi o cavernomi), anomalie ereditarie dei capillari sanguigni del cervello che mettono chi ne soffre a rischio di mal di testa ricorrenti, epilessia, deficit neurologici ed emorragie cerebrali.

Lui è Luca Goitre, nel curriculum una laurea magistrale in Biotecnologie Mediche e quattro anni di Dottorato in Scienze e Tecnologie Cellulari presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Torino.

Studi che hanno annoverato Luca nell’elenco dei premiati dell’Angioma Alliance, associazione con sede negli Stati Uniti che da qualche anno premia quanti hanno contribuito in modo significativo a scoprire qualcosa in più sulle CCM.

Ma cos’è la CCM? “E’ una malattia rara (ma meno di quanto si pensi: ne è affetta una persona su 500) e poco conosciuta – si legge nel sito web dedicato (www.ccmitalia.unito.it) costruito dal gruppo di ricerca di cui Luca fa parte – Nella pratica clinica la presenza di malformazioni cavernose cerebrali non è facilmente diagnosticabile, essendo la risonanza magnetica l’unico strumento diagnostico efficace per questa malattia, e spesso ci si limita al riconoscimento di sintomi clinici e al loro trattamento con farmaci analgesici.

Al momento non esiste una cura specifica per la CCM, a parte la rimozione chirurgica di lesioni accessibili in pazienti a rischio di emorragie cerebrali o con epilessia non trattabile farmacologicamente”.

A.Z. Luca Goitre