Cronaca della festa a Mompantero di domenica 23 gennaio Per la cinquantesima volta, domenica 23 gennaio, gli autotrasportatori valsusini si sono ritrovati al Santuario della Madonna del Rocciamelone. Un evento celebrato e festeggiato in modo solenne, con varie iniziative. Come la posa di una posa di una bacheca, offerta dagli autotrasportatori in ricordo di Don Felice Bertolo, all’esterno del Santuario, a disposizione della chiesa e della collettività  di Mompantero. Numerosi i camion “esposti” sul piazzale; tra questi un Iveco di Overland, condotto dal responsabile tecnico dei viaggi, Beppe Simonato, protagonista del giro dell’Africa, subito “preso d’assalto” dai presenti.

Tra gli intervenuti alla giornata, il sindaco di Mompantero, Piera Favro, il maresciallo dei Carabinieri Pacchini, il luogotenente della Finanza Scarcella, il deputato Osvaldo Napoli e il consigliere regionale Franco Botta.

Durante la Messa, il rettore don Remigio Borello, ha ricordato don Felice Bertolo (deceduto nel 2003, fondatore e “anima del Raduno), gli autotrasportatori defunti e i caduti della strada. Quindi la benedizione del nuovo labaro del gruppo Autotrasportatori Valle di Susa, realizzato in “grigio asfalto” con un camion rosso a muso lungo, scelto come logo del cinquantenario, e bandiera italiana sul retro, e della Medaglia d’Oro alla carriera da offrire ad un autotrasportatore anziano presente al raduno.

Dopo la funzione, il pranzo presso il ristorante “da Camillo” con i saluti del priore Eugenio Cirone e del sindaco Piera Favro ai convenuti, che all’ingresso hanno ricevuto una borsa di stoffa con il logo del cinquantesimo raduno,contenente i gadgets offerti dagli sponsor. Momento clou della giornata, la presentazione del libro “Cinquant’anni di Raduni a Mompantero, persone e vicende…” di Anna Luisa Pent.

Una pubblicazione che racconta la nascita del raduno /con l’elenco dei Priori e l’Albo d’Oro) e che raccoglie storia ed esperienze di lavoro delle ditte valsusine e non solo, attraverso il racconto diretto dei protagonisti e le immagini pi๠significative di tanti anni di attività . Completa il libro, una galleria fotografica tratta dagli ultimi raduni (copie del libro sono disponibili telefonando allo 011 9649494).

Durante il pranzo, le premiazioni. Con la medaglia d’oro alla carriera assegnata a Carlo Barberis di Avigliana (consegnata al figlio Carlo), trasportatore anziano e riparatore di automezzi pesanti specializzato nella sostituzione delle balestre. Una targa alla memoria di don Felice Bertolo verrà  consegnata alla sorella Maria, non presente al raduno per ragioni di salute. Altre targhe a Guido Vair, per la sua presenza a tutti i 50 Raduni e a Angelo Pietracatella, poliziotto in pensione.

Proprio Pietracatella dichiara: “Sono sorpreso, commosso e onorato di ricevere questo riconoscimento. Ringrazio gli autotrasportatori, molti dei quali “fermavo” sulle strade nello svolgimento del mio lavoro. Le mie erano raccomandazioni pi๠che— che multe. Allora ci si trattava reciprocamente con maggiore rispetto e umanità “.

Ancora una premiazione, inaspettata quanto gradita, a Giorgio Perino Fontana di Sant’Antonino, erede della famiglia di autotrasportatori “Broca”, anc’egli autista saltuario in gioventà¹, nella vita geometra professionista: una medaglia d’oro per l’impegno dedicato da decenni ai raduni viene offerta dall’équipe organizzatrice e appuntata da Albertina Rebola.

Il bouquet di fiori, quale investitura alla carica di vice priore per il 2012, è stato offerto a Piero Bruno di Almese.
Al termine la lotteria e, in chiusura, l’arrivederci all’edizione n° 51, con un grazie agli sponsor: Fai Service e le ditte Orecchia, ACLA, EdilGrimaldi, Accastello, Favro, Martina Group, Pneus Pio, Scavino, Tisserand, SLIT, avv. Iorio, Ditta Dominici, Panificio Alta Valle di Susa, i signori Schiocchetto ed Europhoto di Renzo Gotto.

l.v. Un'immagine dell'incontro