La domanda ricorrente è: Cominciamo ora una panoramica dei modelli che verranno presentati nei prossimi mesi e di quelli attualmente in produzione a partire dalla produzione di casa nostra:

Il Gruppo Fiat
Al momento sono previsti solo due modelli nuovi, la Fiat 500 in versione ”trasformabile” cioè a tetto aperto, una sorta di versione cabrio e l’erede della 147 Alfa Romeo, la 149 o ”Milano” che è attulamente in fase di prova e verrà presentata probabilmente dopo l’estate.
Nel listino corrente troviamo alcune nuove proposte dedicate all’ambiente, si tratta dei modelli ”best-seller”, Grande Punto, Bravo e Panda alimentate a GPL e benzina. Nel ”Porte Aperte”, in programma il 24 e 25 gennaio, si potranno conoscere da vicino questi modelli Fiat con doppia alimentazione. Questi modelli rispondono alla domanda in costante crescita di vetture con questo tipo di alimentazione con il vantaggio di un impianto progettato, fabbricato e garantito dal brand stesso.
Realizzati in collaborazione con FPT – Fiat Powertrain Technologies – e con la società Landi Renzo, i modelli Fiat a doppia alimentazione adottano motorizzazioni specifiche, progettate appositamente per la massima integrazione e affidabilità con l’impianto a GPL, che viene installato direttamente in fabbrica. Ogni vettura è certificata, deliberata e garantita da Fiat Automobiles e per tale motivo può beneficiare di bonus governativi sino a 2.000 euro, validi per tutto il 2009.
In dettaglio, i propulsori per le versioni GPL adottano, a seconda dei modelli, una testata con punterie idrauliche o con valvole e relative sedi realizzate con materiali e geometrie ottimizzati per il funzionamento a GPL. Ogni motore dispone inoltre di un sistema di aspirazione specifico, per accogliere gli iniettori del GPL, oltre a tutti i relativi cablaggi elettrici supplementari già integrati. L’affidabilità di questi propulsori è garantita da un programma di sperimentazione che ha previsto una percorrenza complessiva superiore a 400.000 km. La bombola di GPL – di tipo toroidale (a ciambella) – è collocata nel vano della ruota di scorta per non sottrarre spazio al bagagliaio (è di serie il kit di gonfiaggio). Inoltre, a seconda dei modelli, il serbatoio offre una capienza differente (il valore tiene già conto del limite dell’80% del riempimento del serbatoio previsto dalla normativa vigente): 38 litri per la Grande Punto, 41 litri per la Bravo e 31 litri per la Panda. Infine, la vettura a GPL conserva la possibilità di essere alimentata a benzina: la commutazione da un carburante all’altro può essere effettuata in marcia tramite un pulsante specifico, a tutto vantaggio dell’autonomia complessiva.
Il GPL (gas di petrolio liquefatto) è un idrocarburo che si ottiene dal processo di raffinazione del greggio o direttamente per estrazione, mediante semplici procedimenti di separazione dal gas naturale o dal petrolio, con il quale si trova associato nei giacimenti. Rispetto a benzina e gasolio, il GPL genera minori emissioni inquinanti e soprattutto non produce particolato PM10, tra le principali cause di inquinamento atmosferico nei centri urbani.
Per questa ragione, analogamente alle motorizzazioni a metano, l’alimentazione GPL consente di accedere ai centri urbani soggetti a ZTL.
Un ulteriore punto di forza del GPL è che non penalizza né abitabilità né prestazioni della vettura.
In casa Alfa, in attesa del nuovo arrivo, esce l’ultima versione della 147, la ”Moving”.
Destinata ad un pubblico giovane e dinamico, offre di serie: sistema VDC, sei airbag, climatizzatore manuale e radio con lettore CD. E’ disponibile con le motorizzazioni 1.6 TS da 105 CV e 1.9 JTDM da 120 CV. 4 i colori di carrozzeria , bianco ghiaccio, nero Etna, rosso Alfa e grigio Stromboli. Scarica il file cliccando su questo link