A Mompantero Ancora successo per la festa dell’Orso, nel quale si e rinnovata la tradizione popolare che prevede la comparsa in paese della famigerata belva. MOMPANTERO - Ancora un successo per la tre giorni dell’orso, quest’ultimo fine settimana, nel quale si è rinnovata la tradizione popolare, che si perde nella notte dei tempi, e che prevede la comparsa in paese della famigerata belva, sotto la cui pelliccia (rigorosamente in pelle di capra) si nasconde un uomo che viene successivamenmt tascinato in catene, rifocillato con vino rosso attraverso un imbuto, ed infine attirato nel ballo con alcune ragazze del paese. ‘Un buon successo- afferma la nuova presidente della pro loco Adriana Frijo- malgrado il nevischio di domenica 1° febbraio. Sabato sera, 31 gennaio, per la passeggiata enogastronomica, in verità  c’è stato un calo di presenze legato al maltempo…Venerdì 30, invece, la gente deve ancora abituarsi all’appuntamento culturale, che quest’anno ha riguardato una proiezione, ma che non ha attirato grande pubblico. Segnalo positivamente invece, la ricerca dell’orso da parte dei bambini di Urbiano, e che rappresenta un po’ l’Halloween di Mompantero…’. Come state lavorando, come pro loco? ‘Direi bene, abbiamo trovato dieci persone disponibili, e stiamo lavorando per confermare gli appuntamenti di Marzano, Trinità  e San Giuseppe, che vanno dal presepe alla fiera mostra mercato…Resta da inventare qualcosa per Pietrastretta. Ultima notizia: tra due domeniche, l’orso andrà  in trasferta in Molise, a Jelsi, provincia di Campobasso, in occasione della festa delle maschere zoo-antropomorfe’. E’ fatta: l’orso invade Italia… Scarica il file cliccando su questo link