Descrizione breve Sulla Torino-Lione “il governo non ha mantenuto
gli impegni”. Lo afferma Antonio Ferrentino, sindaco di Sant’Antonino di
Susa e portavoce di primi cittadini no Tav della Val Susa. “E’ tutta una
farsa – aggiunge – che fa tornare indietro le lancette di anni: si vuole
tornare alla contrapposizione fisica con i sindaci”. “Dei 300 milioni
promessi dal ministro Altero Matteoli nell’incontro di oggi – spiega
Ferrentino – per il nodo di Torino, ce ne sono soltanto 0,5. Per non
parlare poi dei 640 milioni che dovevano servire ad attuare il piano
strategico della Val di Susa: quando, nell’incontro di oggi, ho chiesto
dove fossero, mi è stato risposto che ad ottobre ci sarà  un seminario
sull’argomento. Noi siamo pronti ad assumerci le nostre responsabilità  e
non abbiamo nulla in contrario ai carotaggi, ma il governo deve mantenere
gli impegni presi. Fino ad ora non lo ha fatto. La stragrande maggioranza
dei sindaci della Valle è contraria all’accelerazione annunciata oggi. Se
questo è l’andazzo – sottolinea – ha ragione Berlusconi: l’opera si farà 
con la forza”.