Gli studenti della Valle di Susa uniti in un torneo in ricordo del giovane di Chianocco finito sotto ad un treno a Borgone OULX – Si respirava un’atmosfera speciale ieri, al campo di calcio di Corso Ortigara. L’aria era forte e fredda, e faceva breccia nel cuore di studenti e professori dell’istituto Des Ambrois, che insieme ai ragazzi delle altre scuole superiori della Valle hanno voluto ricordare il giovane Virginio Viglione. Aveva solo 16 anni quando, nel settembre 2011, morì investito sotto un treno alla stazione di Borgone.

Da quel momento i suoi amici e compagni di classe non hanno smesso di ricordarlo, di scrivergli messaggi su Facebook, di tenerlo stretto nel profondo del cuore. Mamma Antonella, papà Riccardo e il piccolo Edoardo erano presenti al torneo organizzato dai giovani per ricordare “Virgi”, appassionato di calcio, portiere di talento che ha militato in varie squadre locali. I genitori hanno fatto un dono speciale al Des Ambrois: la divisa sportiva per le partite di calcio, consegnata al mattino alla presenza del preside Ainardi e dei vari professori, che hanno collaborato con i ragazzi nel preparare l’evento. C’erano le squadre degli studenti del liceo Rosa di Bussoleno, dell’Itis Ferrari e del Galilei di Avigliana.

I ragazzi avevano una maglietta speciale, bianca, con la scritta dedicata a Virginio ed il numero 1 stampato sulla schiena: il suo numero. Un mix di sentimenti hanno caratterizzato l’evento di ieri, contrastanti: il sole alto, di metà maggio, tingeva la gioia nel ricordare insieme l’amico di tante avventure, la corrente fredda a tratti trapassava l’anima, e faceva emergere il dolore del lutto, della mancanza. Ma in realtà Virginio c’era e c’è: forse quella brezza non era altro che il suo respiro leggero, per ricordare ancora una volta ai suoi compagni, amici e soprattutto alla sua famiglia, che lui ci sarà sempre, pronto a tuffarsi prontamente in loro aiuto, così come amava fare sui campi di calcio.

Fabio Tanzilli