Scoperto in Belgio il colpevoledel delitto della discoteca aviglianese. E’ stato individuato in Belgio e arrestato l’albanese che nella notte di domenica 13 dicembre 2009, freddò un buttafuori della discoteca Atlantic Club di Avigliana.

A portare gli inquirenti sulle tracce di Saimir Xhamxhiu, 26 anni, abitante a Moncalieri, è stato un minuzioso lavoro ad opera del capitano Massimo Pesa, comandante della compagnia di Rivoli, del maresciallo Giuseppe Minutolo e dell’Interpol.

A mettere le manette ai polsi al giovane omicida è stata la polizia Belga, che lo ha preso in un locale di Bruxelles. Saimir Xhamxhiu, dopo l’arresto, avrebbe ammesso la sua colpa nell’uccisione del buttafuori.

Il grave fatto di sangue era accaduto il 13 dicembre scorso, poco prima delle quattro, sulla strada panoramica del Lago Grande. Due albanesi, che secondo i testimoni erano in evidente stato di ubriachezza, si presentavano all’ingresso del locale. Volevano entrare a tutti i costi, ma i responsabili della sorveglianza spiegavano loro che ormai la sala stava chiudendo.

La risposta veniva presa dai due albanesi come uno sgarbo, e pare che entrambi estraessero dalle tasche dei loro giubbotti una pistola. Uno solo sparava, mentre l’altro non sarebbe riuscito a farlo, a causa del blocco dell’arma.

Ionut Cristian Birzu, 32 anni, di Rivoli veniva colpito dal proiettile in pieno petto. Dopo l’aggressione, l’omicida era fuggito in via Monginevro, sparando all’impazzato per farsi strada tra la gente, mentre l’altro albanese, Kalemi Olsi, 25 anni, rimaneva come impietrito sul posto.

Non era mancata la reazione dei presenti che si scagliavano sul giovane picchiandolo a sangue, anche con manganello di legno, e solo l’arrivo dei carabinieri lo aveva salvato dal linciaggio.

Il ferito era stato trasportato con un’auto all’ospedale di Giaveno, e successivamente trasferito ad Orbassano, dove era giunto privo di vita. Kalemi Olsi, pestato a sangue, era stato condotto sotto scorta all’ospedale di Rivoli e dopo le prime cure, spostato alle Molinette di Torino, e in seguito arrestato per concorso in omicidio.

Durante l’interrogatorio, avvenuto nella serata, e condotto dal pubblico ministero Giancarlo Avenati Bassi, titolare dell’inchiesta, e dal capitano Massimo Pesa, Olsi avrebbe sostenuto di non essere stato lui a sparare. La moglie del buttafuori ucciso è tornata dai familiari in Romania con la bimba di sette mesi, ma ritornerà  in Italia per assistere al processo.

G.M. L'Atlantic Club di Avigliana dov'è avvenuto l'omicidio