Giovedì 8 settembre la cerimonia a Pont Ventoux OULX – “Un miracolo” non usa mezzi termini il vescovo di Susa monsignor Alfonso Badini Confalonieri quando nell’omelia parla della rinascita della chiesetta di Notre Dame de Pont Ventoux.

Giovedì 8 settembre, festa dell’Annuciazione, la chiesetta di Pont Ventoux non è riuscita ad ospitare tutti i fedeli intervenuti per l’inaugurazione dei lavori di ristrutturazione dell’edificio. Un grande momento di devozione popolare quello vissuto giovedì scorso.

E un grande recupero per l’intera comunità di Oulx. Infatti non solo la chiesetta è stata restaurata, ma l’intervento ha riguardato anche la parte esterna, che è tornata ad essere fruibile e decorosa.

Il tutto a coronamento della conclusione del progetto “Piccole chiesette, grande amore” che ha visto lavorare gomito a gomito la Parrocchia di Santa Maria Assunta, il Comune di Oulx e la Fondazione Magnetto.

Grazie a questa sinergia, oltre a Pont Ventoux sono state restaurate anche le cappelle di San Claudio al Gad e di San Rocco in centro paese.

F.T. Un momento della celebrazione Il clero dell'alta valle presente alla cerimonia