Abbiamo incontrato Marzia e Momi, due veneziane che dopo Santiago di Compostela vogliono raggiungere San Pietro a Roma. Partendo dalla Valle di Susa E’ venerdì 27 maggio e il tempo buono porta i primi pellegrini lungo la Via Francigena. Abbiamo incontrato quasi per caso a Susa Marzia e Momi, veneziane che stanno percorrendo il primo tratto del loro pellegrinaggio verso Roma. Spiega Marzia: “Abbiamo intenzione di compiere un vero e proprio pellegrinaggio, con fede, e infatti stiamo anche raccogliendo le credenziali nei posti tappa da timbrare sulla carta del pellegrino”. Avete esperienza di altri pellegrinaggi? “Sì, abbiamo compiuto tutto quello di Santiago ed ora facciamo quello verso San Pietro a Roma”. Cioè proprio quello che la Conferenza Episcopale Italiana nel 2007 aveva tracciato in via sperimentale proprio partendo da Susa. Come avete trovato l’itinerario? “I posti sono molto belli, ma dobbiamo dire che nel tratto di discesa dal Monginevro la strada statale è pericolosa e i sentieri sono belli ma un po’ ardui, siamo andati dalle parti di Sagnalonga. Occorrerebbe avere un sentierino a fianco della statale, come in Spagna. Abbiamo trovato dei francesi che arrivavano dal Moncenisio, sono scesi lungo la statale ma oltre la riga e loro non hanno avuto problemi, forse è meno trafficata”. Qualche suggerimento da dare? “Migliorare un poco le indicazioni. Ci sono delle biforcazioni che magari per voi non sono neppure bivi, ma chi non conosce i posti va in difficoltà . Soprattutto ai bivi occorre mettere cartelli chiari”. Da Susa come proseguirete? “Scenderemo lungo l’itinerario che passa da Foresto, Bussoleno, Bruzolo, Borgone, fino a Vaie dove faremo tappa al Bed&Breakfast San Pancrazio”. Dove avete dormito in questi giorni? “In un Bed&Breakfast a Oulx e poi qui a S. Francesco. Ci siamo trovati molto bene in entrambi i posti. Da Vaie speriamo poi che ci consiglino un altro posto tappa”. Visiterete la Sacra di San Michele? “Vorremmo farlo, ma dobbiamo trovare un modo per salirci. A piedi c’è un bel dislivello e noi vogliamo continuare il cammino ancora per un bel pezzo, senza tagliarci le gambe. Vedremo se ci sono mezzi pubblici o un modo per arrivarci”. Fin dove andrete quest’anno? “L’intenzione è di andare fino a Vercelli. Magari nel tratto di Torino prenderemo un mezzo pubblico, ma vogliamo comunque andare a trovare San Giovanni Bosco, visto che siamo qui”. Chissà  che non ci invogliamo anche noi valsusini, a iniziare a conoscere e percorrere almeno il nostro tratto della Via Francigena che parte proprio dalla Valle di Susa. Pensiamo di conoscerla, ma a piedi è tutta un’altra esperienza… Le due pellegrine veneziane Marzia e Momi (Gerolama) davanti alla Cattadrale di San Giusto di Susa