Lavori ormai terminati, la scuola sarà pronta per settembre 2009 grazie all’ulterioire contributo di 200 mila auro da parte della Regione SUSA – Nuova vita per lo storico asilo ”Principe Umberto di Savoia” di via Mazzini che riprenderà l’attività dal prossimo anno scolastico sotto la denominazione di Scuola dell’infanzia. Due e mezzo i miliardi di vecchie lire, stanziati dopo l’evento alluvionale del 2000, per riportare i bambini della materna nella sede di via Mazzini. Il piano seminterrato del plesso di corso Couvert, che negli ultimi anni ha ospitato la scuola dell’infanzia, è infatti stato giudicato non più idoneo per la vicinanza con il torrente Cenischia. I lavori di ammodernamento, come spiega il geometra Valerio Menone, responsabile dell’ufficio tecnico del comune, hanno comportato la ristrutturazione della facciata storica che guarda su via Mazzini, e la demolizione completa degli edifici che c’erano sul retro. Questi sono stati sostituiti da due immobili moderni e funzionali dove troveranno posto sei sessioni di scuola materna. ”Abbiamo perso circa un anno e mezzo per le disavventure con l’impresa appaltatrice che era fallita -spiega il geometra Menone- e per liberare il cantiere. Adesso attendiamo per la primavera 2009 il termine dei lavori complementari, che sono stati ovviamente appaltati ad una nuova ditta. L’amministrazione comunale ha inoltre acquistato un’area aggiuntiva sul retro, da destinare al verde, che permette di ingrandire il parco con giochi all’aperto per i bambini. Ora, con ulteriori 200 mila euro stanziati dalla Regione, stiamo progettando alcune opere esterne, quali viali pedonali e una nuova viabilità. L’ingresso principale non sarà infatti più su via Mazzini ma su via Re Cozio, con percorsi pedonali verso le differenti sessioni scolastiche. Il prossimo anno -conclude Menone- il nuovo plesso, perfettamente a norma con le più severe regole di edilizia scolastica, sarà funzionante”. Soddisfazione anche nelle parole dell’assessore Antonita Fonzo: ”E’ un piacere rivedere lì la scuola -dichiara- e lo stesso penso anche sia per la fondazione che aveva portato avanti il vecchio asilo e per la popolazione che lo aveva frequentato. Nell’immaginario collettivo di molti segusini quello è l’asilo che ricordano. Di quella vecchia struttura si cercherà di mantenerne viva la memoria. Avevamo pensato a tutto il polo scolastico in corso Couvert, progetto vanificato dall’alluvione del 2000, ma si tratta di un ripensamento che alla fine ci piace. La continuazione di un fil rouge dell’asilo di sempre con quella che oggi è una scuola a tutti gli effetti, non solo nel nome. Nuovamente nella zona centrale di Susa. Abbiamo studiato gli spazi, ampi e componibili, e gli arredi con gli insegnanti -spiega l’assessore- e nel corso dell’estate ci sarà il trasloco. L’ulteriore passo comporterà lo spostamento delle scuole primarie di corso Trieste nel plesso di corso Couvert e l’insediamento della biblioteca civica nei locali di corso Trieste”. All’interno, sarà anche recuperata l’antica ”bussola” in legno dell’ingresso, mentre è stata ripristinata la storica scala che collega i piani, il cui mancorrente sarà alzato di alcuni centimetri per motivi dettati dalle nuove norme di sicurezza. Dopo anni di cantieri, un altro pezzetto di storia a breve sarà riconsegnato alla cittadinanza, nel segno della continuità. asilo umberto aula asilo