Installati i dissuasori di parcheggio nel piazzale Schumm Sul piazzale Schumm, prospiciente il parco industriale ex-Philips, sono state recentemente installate due barriere che impediscono l’accesso ai veicoli con altezza superiore ai 2 metri per evitare l’accesso a camper e roulotte.

La misura è stata adottata dall’amministratore del parco industriale con l’accordo del Comune – che in parte è proprietario del parcheggio – per impedire la sosta agli zingari che da maggio di quest’anno campeggiavano regolarmente su un’area destinata esclusivamente al parcheggio delle auto dei dipendenti delle aziende che sono presenti all’interno del parco. I vari accessi sono stati quindi chiusi con dei blocchi di cemento, i cosiddetti “panettoni”.

Solo due varchi sono accessibili; sull’ingresso e sull’uscita per le auto sono state sistemate delle porte rettangolari di metallo che limitano nell’altezza il passaggio dei veicoli. I mezzi di altezza superiore a due metri come camper, roulotte, camion e pullman non possono quindi accedervi.

Purtroppo la barriera impedirà  l’accesso anche ai camion che spesso parcheggiavano sul piazzale il sabato e la domenica in attesa dell’apertura delle aziende a cui dovevano consegnare la merce. Ora rimane solo pi๠lo spiazzo davanti alla portineria e all’ingresso del parco industriale: solo lì, in futuro, potranno parcheggiare i camion in una piccola area delimitata. La ditta NKE ha provveduto alla costruzione delle porte di accesso al parcheggio e la spesa è stata sostenuta dalle varie aziende presenti nel parco industriale; anche se il Comune è proprietario di quasi la metà  del parcheggio, non ha tirato fuori un euro e si è limitato a concedere la sola autorizzazione ai lavori.

In seguito, sul parcheggio antistante l’ingresso, verranno poste delle paline di divieto di sosta; per gli zingari, ma non solo per loro, non si potrà  pi๠parcheggiare: esclusivamente auto all’interno delle porte d’accesso.

Paolo Giordanino Il parcheggio del parco industriale philips