Stanziati dall’assessorato provinciale di Balagna 29mila euro 29mila euro. E’ quanto è stato stanziato dall’assessorato provinciale alla Tutela della Fauna e della Flora guidato da Marco Balagna per l’area di pesca turistica di Forno di Coazze. Il contributo si inserisce in un pi๠ampio finanziamento, da 57mila euro, messo a disposizione da un bando pubblicato nei mesi scorsi dalla Provincia, legato alla realizzazione o al miglioramento strutturale delle zone di pesca turistica istituite nei tratti dei torrenti soggetti ai diritti esclusivi di pesca del demanio provinciale.

Anche Coazze aveva partecipato al bando, per l’area di pesca sul torrente Sangone in località  Pisi, da tempo al centro dell’attenzione degli enti locali: a luglio dell’anno scorso aveva ospitato la finale del campionato provinciale di pesca alla trota e presto troverà  spazio anche la piattaforma di pesca per diversamente abili, il cui progetto – già  finanziato da Regione e Provincia – è in serbo da tempo.

Il nuovo contributo sarà  utilizzato per allestire un’area di svago per accompagnatori, famigliari e amici “in grado di ospitare : spiega l’assessore provinciale Balagna – non solo coloro che praticano la pesca, ma tutte quelle persone che sono interessate a trascorrere il tempo libero a contatto con la natura. La Provincia considera l’istituzione delle zone di pesca turistica un elemento strategico per la salvaguardia della naturalità  dei torrenti, poiché la loro funzionalità  non può prescindere da una consistente portata d’acqua negli alvei.

Il che implica, da parte dei Comuni (ai quali è demandata la gestione delle zone di pesca turistica), un’azione di contrasto dei prelievi d’acqua eccessivi o ingiustificati”. Nel concreto, a Forno di Coazze, sempre in località  Pisi, – come preannuncia l’assessore alla montagna Aldo Lisanti : verranno realizzati un campo sportivo polivalente da volley, basket e bocce, un’area pic-nic e servizi igienici.

A.Z. Pioggia di euro per l'area di pesca turistica di Forno