Entro luglio il governo approverà  lo stanziamento di 40 milioni di euro PISTA di bob e trampolino saranno salvati dal fallimento postolimpico,
grazie ai 40 milioni di euro avanzati dall’Agenzia Torino 2006. Ieri a Roma
il sottosegretario Gianni Letta ha incontrato l’assessore regionale Cirio,
insieme ai parlamentari GHigo ed Esposito, per affrontare il problema.
Letta ha garantito che il governo farà  la sua parte, e approverà  la mozione
bipartisan presentata mesi fa per chiedere all’esecutivo di sbloccare i
soldi dell’Agenzia, a favore dei siti olimpici montani, ormai chiusi da
mesi. Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ha promesso che la
mozione sarà  accettata e quindi che i soldi saranno disponibili per
continuare ad ospitare eventi e a riaprire gli impianti montani, costati
milioni di euro. Potrà  così partire il progetto annunciato da mesi della
“Covericiano della Neve”, che fino ad oggi è apparso come uno specchio per
le allodole. Infatti il principale partner che dovrebbe sostenere
l’iniziativa, ossia il Coni, ha sempre rifiutato appoggi e investimenti per
far allenare le proprie squadre nazionali degli sporti invernali in Alta
Valle Susa. Se a questo si somma la bocciatura di Sestriere per ospitare le
gare di Coppa del mondo di sci nel 2011/2012, il quadro non è dei pià¹
positivi. La notizia dell’appoggio di Letta è quindi fondamentale per non
buttare tutto all’aria, dando così un futuro certo ad impianti costati
milioni di euro, e ora impietosamente fermi.

Fabio Tanzilli Descrizione dell'allegato