Domenica di fra competizione e demolizione a Sant’Ambrogio Adrenalina, competizione, ma soprattutto tanta tanta voglia di divertirsi, hanno animato la domenica santambrogese dell'”Autodemolision” organizzata in via delle Chiuse dal Team Micellone.

Fin dal mattino sono iniziate le prove preliminari e cronometrate delle varie categorie, per aggiudicarsi la postazione migliore alla griglia di partenza delle gare pomeridiane.
Se chi ben comincia è a metà  dell’opera, Fulvio Micellone può ben sperare, per il successo che ha caratterizzato questa prima edizione: un pubblico numerosissimo che ha assistito con grande partecipazione alle tre manches.

I piloti scatenati, pur rispettando le regole imposte, hanno dato sfogo alla loro grinta e le autovetture ne hanno subito le conseguenze: ruote uscite dai mozzi, carambole di fuoristrada, speronamenti, motori fusi, traguardo abbattuto, paraurti e gomme persi lungo il circuito, cosicché i trattori erano spesso all’opera per rimorchiare auto in panne.

Tutte le categorie hanno affrontato con entusiasmo la gara ed il gentil sesso non è certo stato da meno dei colleghi maschi, anzi ha dimostrato di essere ancora pi๠agguerrito.
Un’organizzazione all’insegna della sicurezza per questo “sogno divenuto realtà “: mezzi della protezione civile e ambulanze in loco, camion ristoro, stand del contagiri, commissari di gara, fotografi e chi pi๠ne ha pi๠ne metta.

Ovviamente anche Fulvio e i suoi figli hanno voluto essere parte integrante della manifestazione: così mentre il figlio maggiore Valerio sventolava la bandiera a scacchi, il minore Paolo, nella categoria fino 1100 cc, e Fulvio, in quella da 1100 a 1600, sfrecciavano sul circuito della gara pi๠pazza d’Italia con auto da demolizione.

Animazione poi a tutto sprint con la simpatia dello speaker Lorenzo Richetto, al quale gli spunti non sono certo mancati e che è stato, suo malgrado, coinvolto come secondo pilota (chioma al vento) proprio sul fuoristrada che, a suo dire, “aveva fatto pi๠giri rotolando che avanzando sulle quattro ruote”.

Una giornata riuscita alla perfezione e conclusasi poi con le meritate premiazioni:
Cat. fino a 1100: 1° Federico Cordola, 2° Alex Brunatti, 3° Paolo Micellone.
Cat. Da 1100 a 1600: 1° Jeremie Oliveto, 2° Fulvio Micellone, 3° Davide Morando.
Cat. Oltre 1600: 1° Valentino Rocco, 2° Riccardo Guarise, 3° Ferdinando Perino.
Cat. Fuoristrada: 1° Ettore Carello, 2° Mario Giordano.

Cat. Donne: 1° Loredana Lupo, 2° Betty Castelli, 3° Alex Chiarenza, 4° Chiara Bonà¹, 5° Oriana Saviotti, 6° Antonietta Spallone, 7° Maria Solare, 8° Daniela D’Agostino.

Erika Raimondo Autodemolision Sant'Ambrogio 2010 Scene dell'Autodemolision Sant'Ambrogio 2010 Scene dell'Autodemolision Sant'Ambrogio 2010 Scene dell'Autodemolision Sant'Ambrogio 2010