Dopo la festa dei VV.FF. del 4 dicembre, in onore di S. Barbara Nella mattinata di sabato 4 dicembre, la patrona dei Vigili del Fuoco, Santa Barbara, è stata festeggiata veramente alla grande. Ricco e suggestivo il programma dei festeggiamenti, comprendente una dimostrazione dei vari interventi che vengono effettuati dai pompieri nel loro lavoro.

Obiettivo della manifestazione, quello di fare conoscere alla popolazione, ed in particolare ai ragazzi delle scuole, i mezzi in dotazione al distaccamento segusino, facendoli anche provare, sotto l’occhio attento delle varie squadre dei Vigili del Fuoco. Ha fatto così il suo ingresso in piazza il camion dotato di autoscala lunga 24 metri, sulla quale i bambini hanno letteralmente fatto la cosa per salire, senza contare la teleferica montata appositamente per far provare ai ragazzi l’ebbrezza di lanciarsi dal cavo, adeguatamente imbracati.

Dopo aver ammonticchiato i mucchi della neve caduta recentemente, i pompieri hanno poi costruito una specie di pista per dimostrare l’affidabilità  della motoslitta che viene da loro adoperata per gli interventi in alta montagna, anche qui con la possibilità , per i ragazzi, di salire nella cabina. Successivamente alcuni dei ragazzi sono stati coinvolti nell’operazione di estinguere un piccolo incendio, peraltro del tutto sotto controllo, attraverso l’utilizzo degli estintori dei pompieri. Inoltre, in completo assetto da vigili del fuoco, e dunque con casco, giacca e occhiali ignifughi, i piccoli protagonisti hanno anche avuto l’opportunità  di spegnere un incendio causato dal liquido gpl, provando, in questo caso, fortissime emozioni.

Ha chiuso la mattinata di dimostrazioni l’opera di rimozione di un veicolo da un terreno di non facile accessibilità , attraverso l’impiego di camere d’aria gonfiabili inserite direttamente sotto le ruote del mezzo. Intorno all’area destinata alle operazioni, facevano intanto bella mostra di sé alcuni mezzi d’epoca, come una vecchia Topolino dotata di scaletta e datata 1939, una camionetta degli anni cinquanta, fino all’ultimo arrivato, un camion avveniristico omaggiato dalla Sitaf al distaccamento. Nell’occasione, si è ufficialmente presentato alla cittadinanza il nuovo comandante dei pompieri segusini, Antonio Angiolino. Classe ’61, in forza ai Vigili del Fuoco dall’85, il Capo Distaccamento, che opera a Susa dall’inizio del mese di novembre e che abita a Torino, si presenta così: “Il mio ruolo consiste nel garantire un collegamento diretto tra questa importante realtà  locale ed il comando di Torino.

Questo ci permette di intervenire con celerità  nella soluzione di qualsiasi tipo di problema, anche di ordine logistico, amministrativo o puramente tecnico. La scelta di festeggiare Santa Barbara in piazza è legata ad un progetto di sensibilizzazione della popolazione verso il mostro lavoro molto pi๠ampio, che prevede interventi di formazione dedicati ai ragazzi delle scuole, e che troveranno spazio, si spera, su tutto il territorio della valle e di nostra competenza. Difatti, formazione e prevenzione sono per noi attività  prioritarie, che si accompagnano a quelle quotidiane di pronto intervento per fare fronte alle emergenze”.

Nell’ultimo anno, per dare qualche cifra, il distaccamento segusino dei vigili permanenti (che sono dodici per turno, suddivisi in quattro turni) ha dovuto svolgere circa settecento interventi, un numero piuttosto alto, ma che i pompieri ritengono soddisfacente a livello di segnale sull’utilità  del lavoro di formazione. Angiolino chiude così: “Siamo pronti a collaborare con tutte le amministrazioni locali, ed a tutti i livelli. Naturalmente non disponiamo di fondi, ma in caso di organizzazione di varie manifestazioni, di interventi formativi nelle scuole o altro, mettiamo a disposizione tutta la nostra competenza”.
E per il futuro, si pensa in grande.

Magari una festa di Santa Barbara che copra l’intero arco della giornata, e tante altre iniziative. Immagini dell'evento - foto 1 Immagini dell'evento - foto 2 Immagini dell'evento - foto 3