Lavori da 360mila euro per la razionalizzazione energetica dell’edificio S.Ambrogio. Il progetto per la razionalizzazione energetica
La scuola Anna Frank si mette il cappotto

S.AMBROGIO – Più di 360 mila euro per “mettere il cappotto” alla scuola media Anna Frank. Ovvero per razionalizzare i consumi energetici dell’edificio.
Tradotto: una serie di lavori che vanno dall’isolamento del solaio di copertura all’isolamento delle pareti, dalla sostituzione dei serramenti a quella dei cassonetti, dall’installazione di un sistema solare fotovoltaico (in realtà già installato nei mesi scorsi dall’Acsel) a un nuovo sistema di ventilazione naturale e all’installazione delle valvole elettrostatiche.
Proprio in questi giorni è stato affidato all’architetto Luca Raimondo l’incarico di progettare l’intervento che, presumibilmente, sarà attuato alla fine dell’anno scolastico 2013, nel periodo in cui l’attività didattica è interrotta per la pausa estiva.

Soddisfatto il sindaco Dario Fracchia: “Il contributo ottenuto a luglio 2011 copre gran parte della spesa, quasi 194 mila euro sul totale dell’intervento che è di quasi 363 mila euro, con una copertura di oltre il 60 per cento. Questo perché il progetto da noi presentato ha ottenuto unpunteggio molto elevato (la copertura massima del finanziamento infatti era del 70 per cento)”. Così a partire dall’anno 2013-2014, i ragazzi delle medie frequenteranno aule dal confort molto elevato, fresche nei mesi caldi, e calde nei periodi freddi”.

E la parte rimanente, non finanziata dalla Regione come sarà coperta? “Abbiamo già acceso – informa Fracchia – un mutuo con la Cassa Depositi e Prestiti”.
Tutto questo mentre è ancora vivo il rammarico per non aver potuto accedere a un finanziamento che avrebbe consentito di realizzare un unico plesso scolastico per i bimbi delle elementari, in via Garibaldi. “La Provincia – fa presente il sindaco – aveva a suo tempo dimostrato grande disponibilità.
Lo stesso presidente Antonio Saitta era riuscito a far elaborare il progetto dall’Ufficio Tecnico della Provincia, cosa che ha fatto risparmiare alle casse comunali qualcosa come 60-70 mila euro”. L’intervento del nuovo plesso sarebbe costato intorno ai 500 mila euro “e di certo – aggiunge Fracchia – saremmo riusciti a strappare un buon finanziamento. Il problema è che il Governo ha successivamente ridotto, a partire dal 2014, la possibilità di indebitamento dei Comuni. Risultato: S.Ambrogio non potrà indebitarsi per più di 700 mila euro complessivi”. Così molti interventi importanti, come questo delle scuole elementari, risulta rinviato a… chissà quando. La scuola di Sant'Ambrogio