Una nuova trivella dei carotaggi per l’alta velocità  è entrata in funzione SUSA- Il 9 febbraio, nella zona di Bussoleno e ll’ingresso della città  di Susa,nella zona dell’autoporto sono state mandate squadre delle forze dell’ordine, per sorvegliare gli svincoli autostradali e la viabilità  ordinaria. La causa è che, intorno alle 3 di notte, i tecnici che lavoravano per le rivelazioni geognostiche necessarie per la stesura del progetto preliminare dell’alta velocità  avevano piazzato una trivella, all’interno del parcheggio autostradale di Susa. Nelle ore del mattino,la trivella era ben visibile lungo la strada statale 25. Il nuovo scavo chiamato S66 si trova a meno di un chilometro dal presidio No Tav, vicino all’ex autoporto.
I No Tav, saputa la notizia, si sono fatti vivi nella zona del sondaggio, e la polizia, per evitare incidenti, ha spostato la zona di sondaggio in un luogo di parcheggio meno accessibile. Gli scontri tra le forze dell’ordine e i militanti No Tav, che si oppongono all’opera sono poi iniziati il pomeriggio dello stesso giorno e per fortuna senza gravi conseguenze. trivella susa