Si accende il dibattito tra maggioranza e minoranza durante il consiglio di venerdì 7 ottobre SUSA- Vivace consiglio comunale, lo scorso venerdì 7 ottobre, in municipio.

Si cambia il segretario comunale

Al punto due lo scioglimento della convenzione fra i comuni di Susa e Borgone per l’ufficio di segretario comunale. Di fatto, la sede di Susa si libera, e tramite bando si assumerà un nuovo segretario.

Modifiche di progetti già in cantiere, si accende il dibattito

Ma ad infiammare il dibattito sono le modifiche ad alcuni progetti già in cantiere: scuola di corso Couvert, ex asilo di via Mazzini, non più adibito a scuola dell’infanzia ma a scuola primaria, parcheggi ex Barbarossa e rifacimento del tetto delle scuole medie, con rimozione dell’eternit.

“Sono molto contenta di quanto messo in campo nel corso dell’anno, che risponde puntualmente al programma elettorale –il commento del sindaco Amprino-. Riteniamo di gran lunga migliorative le modifiche ai progetti, come l’introduzione del doppio senso di marcia e un più comodo accesso per i futuri parcheggi dell’area Madonna delle Grazie.

Condivisa è invece la necessità di sistemare l’area circostante al lato sud del Castello, in particolare la scalinata. Le difficoltà in cui versano i comuni e le ridotte risorse e i vincoli dati dal patto di stabilità impongono soste obbligate anche quando gli interventi hanno la copertura finanziaria”.

“Il quadro finanziario della città è solido –aggiunge l’assessore Giuliano Pelissero-. In questi due anni di governo, siamo riusciti ad ottenere risultati positivi senza aumentare l’imposizione fiscale. La soddisfazione è pertanto doppia”.

Si chiude la questione degli espropri aree presso l’ex Autoporto

Buone nuove dal punto 4. La conclusione di una vicenda ultra ventennale: quella legata agli espropri delle aree dell’ex Autoporto.

“Buona parte degli espropriati avevano accettato una transazione amichevole –spiega il sindaco-. Tra quelli che si erano opposti rimaneva un’unica situazione pendente, quella riguardante la proprietà Costa Maria Luisa.
Abbiamo voluto chiuderla, trovando un accordo tra le parti, sia per evitare cause che avrebbero ulteriormente allungato i tempi, sia perché si riteneva rispondente a etica politica chiudere una pendenza che durava da 25 anni.
L’operazione prevede un esborso di poco superiore ai 19mila euro, metà a carico della Consepi”.

Quattro nuove isole interrate per i rifiuti

A trattare il punto 5 il vicesindaco Giovanni Baccarini: l’approvazione della bozza di convenzione tra il comune e l’Acsel, avente ad oggetto la realizzazione e la gestione di 4 isole interrate per la raccolta rifiuti.

A tal proposito, riconosciuto dalla Regione un contributo pari a 150mila euro.

“Obiettivo –spiega il sindaco- è avere una raccolta più rispondente al profilo turistico della città, evitando i sacchetti di plastica ai lati delle strade, soprattutto nel centro storico.

Cosa più importante sarebbe ridurre la quantità dei rifiuti prodotti.

Servirebbero ecocentri per una raccolta altamente qualificata e un abbassamento dei costi ai cittadini più virtuosi. Ora il sistema è davvero molto costoso”.

Astensione per l’opposizione che valuta nel complesso positiva l’iniziativa ma critica la localizzazione, ipotizzata per una di queste isole, vicina al parco di Augusto anziché all’Osteria della Marchesa

Impianti fotovoltaici, urge un approfondimento.
Tav, respinta la mozione della minoranza

Ritirato invece, per necessità di approfondimenti, il punto sei sulla convenzione tra comune e Acsel per la realizzazione e gestione di impianti fotovoltaici. Respinta, infine, una mozione della minoranza sulla questione Tav.

Davide Ribella il sindaco di Susa Amprino