Alla progettazione ha partecipato anche un’azienda valsusina, la Stile Bertone di Caprie Sono 931 i giorni di lavori previsti per il completamento della costruzione del termovalorizzatore di Torino Gerbido, dove anche le valli di Susa e Sangone”riverseranno” i rifiuti non riciclabili. Si inizierà  dal corpo principale, incluse le tre linee di forni e caldaie e di trattamenti fumi – termine previsto febbraio 2012. In contemporanea verrà costruito l’edificio polifunzionale (luglio 2010 – dicembre 2011) e successivamente la palazzina per il personale (giugno 2011 – agosto 2012). A gennaio 2013, terminata la costruzione, l’impianto entrerà  in esercizio provvisorio per tutto l’anno e poi passerà  alla fase di esercizio commerciale a seguito dei test di verifica del corretto funzionamento.
TRM ha scelto di dedicare una cura particolare agli aspetti estetici dell’impianto e alla riqualificazione dell’area. Il compito è stato affidato a Stile Bertone, azienda valsusina con sede a Caprie, che ha sviluppato un progetto architettonico con un design accattivante e in armonia con il contesto.
Progettazione, costruzione ed esercizio provvisorio del nuovo impianto richiedono un impegno finanziario complessivo da parte di TRM stimato in 503 milioni di euro. La posa della prima pietra