Un nuovo progetto del Comune Servizio mensa e doposcuola raddoppiato con due rientri settimanali: continua l’attività della cooperativa Vita al servizio degli allievi della scuola primaria e materna con il nuovo progetto “12/13”.

“Sono molto contenta del progetto e ritengo che la professionalità degli operatori e della Cooperativa sia davvero all’altezza di ogni aspettativa – ha commentato l’assessore all’istruzione Paola Baratta – Inoltre apprezzo moltissimo che i volontari siano così propositivi”.

Il Progetto 12/13

Per far fronte alla riduzione dell’orario scolastico la Cooperativa Vita raddoppia e scende in campo con una serie di laboratori, il martedì e il giovedì, dalle 12 alle 13. I progetti, ideati dagli educatori, che da anni lavorano nel servizio di doposcuola, hanno interessato gli alunni suddivisi in tre gruppi in base all’età. I bambini hanno lavorato sui temi oggetto di attività didattica: elementi di logica, ascolto alla lettura e comprensione del testo, acquisizione di nuovi vocaboli e attività propedeutica al Judo come chiave di accesso differente all’educazione motoria. Accanto a queste attività si aggiungono i laboratori di educazione alimentare, ambientale e stradale che mirano ad accrescere le conoscenze su elementi di vita quotidiana e sviluppare un maggior senso civico. Il laboratorio di analisi Emotiva invece ha cercato di mettere i ragazzi in contatto con le loro emozioni e sensazioni, generate da vari input, per poterle interpretare ed esteriorizzare in chiave positiva attraverso le parole, il disegno e la drammatizzazione.
Fra i servizi messi in campo dagli educatori che hanno dato vita al progetto, poi, dalle 13.00 alle 14.30 c’è anche la mensa e la ricreazione prima della ripresa delle attività nel pomeriggio. Al termine dell’orario didattico, infatti, tornano in campo gli educatori con il doposcuola, suddiviso tra scuola primaria e dell’infanzia, costituito da momenti di gioco libero e in gruppo, senza dimenticare lo spazio dedicato ai compiti ed eventuali attività ricreative. Ogni anno il doposcuola, che può usufruire di due aule dedicate nel plesso scolastico, sceglie un tema che caratterizzi tutte le attività: Quest’anno il filo conduttore per le primarie sono le fiabe e i loro messaggi, mentre per la scuola dell’infanzia è la fantasia. Una veduta di Villar Dora