Iniziativa di monsignor vescovo a favore dei fedeli della Terra Santa Entrare nei giorni santi del Triduo con lo sguardo rivolto a Gerusalemme. E’ l’invito che ogni anno il Santo Padre e tutti i vescovi rivolgono alle singole comunità  parrocchiali perché nel venerdì santo, giorno per tutti i credenti ricco di silenzio e di preghiera, sia sensibilizzata l’attenzione ai fratelli e alle sorelle che vivono nella Terra Santa. L’acuirsi sempre pi๠preoccupante di una certa instabilità  in Medio Oriente è seguito con preoccupante attenzione dalle diplomazie internazionali e dal Papa in persona. Ansie principalmente legate all’assenza della pace e alla ripresa delle violenze proprio nei luoghi che hanno ospitato il “Principe della pace”. Un grido che non può a lungo restare inascoltato. E’ con questo spirito che giunge forte l’invito anche quest’anno da parte di Benedetto XVI a non vanificare la strada della pace. “Dobbiamo : ha detto il Papa : puntare il nostro sguardo sulla situazione in Medio Oriente e, in primo luogo, in Terra Santa, dove, in questi giorni, assistiamo a una recrudescenza di violenza che provoca immensi danni e immense sofferenze alle popolazioni civili. Una volta in pi๠vorrei ripetere che l’opzione militare non è una soluzione e che la violenza, da qualunque parte essa provenga e qualsiasi forma assuma, va condannata fermamente”. Appello che il vescovo di Susa, monsignor Alfonso Badini Confalonieri, ha raccolto invitando nella giornata di domani, venerdì santo, tutte le parrocchie a sostenere la colletta per i cristiani di Gerusalemme, unendosi così, materialmente e spiritualmente, a quell’antico gesto di carità  voluto da San Paolo verso la Chiesa Madre di Palestina, da cui ogni credente ha ricevuto il dono inenarrabile dell’evangelo. Custodire i luoghi santi, incentivare opere in favore dei giovani (mediante borse di studio o progetti di inserimento nel mondo del lavoro, ecc.), aiutare e sostenere le famiglie in difficoltà , e rilanciare le opere culturali sono solo alcune delle iniziative che, grazie al sostegno di tutta la Chiesa Universale, si potranno realizzare. Una fraterna carità  verso questa terra (e questa gente) che, per dirla con le parole del Papa, è e resta la “Silenziosa testimone della vita terrena del Salvatore”. badini vescovo