Giorgio Blandino racconta la raccolta di firme contro l’iniziativa della maggioranza. E’ stata un successo,almeno secondo l’opinione del gruppo di Minoranza Consiliare,la raccolta firme contro il progetto di istituzione della zona blu ad Almese. Ce ne parla Il capogruppo di minoranza Giorgio Blandino che abbiamo intervistato per La Valsusa.

– Signor Blandino, la raccolta firme è stata un successo?
– Sì. E parlano i numeri. Le oltre mille firme raccolte tra la gente e che consegneremo nei prossimi giorni all’ufficio segreteria del comune sono un’indicazione del sentimento popolare su questa iniziativa dell’Amministrazione,che ,guarda caso, ha appena compiuto una clamorosa retromarcia sull’istituzione della zona blu a Rivera, annullandone la messa in opera.

– Rimane però il problema dei parcheggi che è reale e che, probabilmente, non si risolve con la demagogia … Cosa proponete?
– La nostra avversione all’introduzione della zona blu non è dettata nè da demagogia nè da populismo spicciolo. Sostenevamo e sosteniamo che l’introduzione della zona blu fosse una insensata ed assurda decisione e la retromarcia compiuta dall’Amministrazione su Rivera ci conforta nella nostra opinione. E caldamente auspichiamo che la Giunta compia una doverosa retromarcia sulla zona blu di Piazza Martiri : davvero per nove posti auto vale la pena installare un parchimetro e poi pagare un addetto per fare i controlli? Francamente ci sembra un nonsenso. Infatti tale iniziativa comporterebbe solo un inutile esborso di denaro per i cittadini,un disincentivo per il commercio ed un costo di gestione altissimo. E non è tutto..

– Perché c’è dell’altro?
– Certo! Una durata della convenzione predefinita in nove anni.. Una follia. Un vero assurdo per una realtà  come quella di Almese e che speriamo sia ripensata dalla Giunta nell’interesse esclusivo della gente del nostro paese. Che tra l’altro non risolverebbe la questione parcheggi e ,pi๠in generale ,della viabilità .

– Ok,legittima opinione la sua. Non ho però inteso qual è la vostra proposta…
– Iniziamo da subito a far rispettare con coerenza l’uso del disco orario in piazza Martiri – cosa che per altro è avvenuta appena abbiamo dato il via alla raccolta firme – e subito in piazza si trova parcheggio pi๠facilmente a tutte le ore. Poi vedremo. Intanto speriamo che la volontà  dei cittadini sia ascoltata dall’Amministrazione e sia che sia’vissuta’, da chi deve decidere, non come iniziativa di una minoranza,ma come richiesta sensata di chi vive ed opera nel nostro paese.’

M.R. Piazza Martiri ad Almese