unione_ridimensionareCESANA. Venerdì 6 settembre è stato il primo giorno per l’Unione montana “Comuni Olimpici Via Lattea” con la firma, da parte dei Sindaci, dello statuto che regola l’accordo tra i Comuni di Cesana, Claviere, Pragelato, Sauze di Cesana, Sauze d’Oulx e Sestriere. Un’area montana che rappresenta una popolazione di oltre 4.000 abitanti di grande rilevanza strategica per l’economia del sistema turistico regionale e nazionale. Un sistema importante a garanzia di un equilibrio territoriale sia per la gestione associata di servizi e funzioni comunali, secondo quanto previsto dalla normativa della Regione Piemonte, sia a livello di gestione di un bacino turistico molto vasto che, nella stagione invernale, convoglia ogni settimana decine di migliaia di turisti provenienti da tutto il mondo. Lo statuto è stato sottoscritto dai Sindaci Lorenzo Colomb (Cesana Torinese), Giuseppe Gatti (vice sindaco di Claviere), Gianni Arolfo (Pragelato), Erwin Strazzabosco (Sauze di Cesana), Mauro Meneguzzi (Sauze d’Oulx), Valter Marin (Sestriere) alla presenza di Diego Joannas, segretario del Comune di Cesana Torinese (dove ha sede l’Unione Montana dei Comuni Olimpici-Via Lattea) e dei segretari comunali di Sauze d’Oulx, Barbara Capo, e di Sauze di Cesana, Marietta Carcione. Sindaci che augurano una pronta guarigione a Franco Capra, primo cittadino di Claviere, che infortunatosi in mountain bike, non ha potuto sottoscrivere direttamente quanto messo a punto in questi mesi assieme ai colleghi e che ha portato alla nascita dell’Unione Montana Comuni Olimpici-Via Lattea. Adesso sarà la volta dell’assegnazione delle cariche all’interno dell’Unione. Tra i primi impegni in agenda spicca la regia della gestione degli impianti di risalita e di innevamento programmato dalla Regione Piemonte per i quali la legge regionale 8/2013 prevede la gestione associata degli stessi tramite unione di comuni.