Boom di presenze anche in Valle di Susa per le Giornate Fai di Primavera, giunte alla 26ª edizione, sabato 24 e domenica 25 marzo. Il pomeriggio di sabato Simone Baiocco, conservatore a “Palazzo Madama – Museo civico di arte antica” a Torino, ha tenuto la conferenza “Sant’Antonio di Ranverso: crocevia internazionale in campo artistico e religioso” nella sala consiliare. Dopo i saluti istituzionali del sindaco Alfredo Cimarella, della capo Delegazione Fai Valle di Susa Marilena Gally e del capo Gruppo Giovani della stessa Delegazione Davide Ligas, il relatore ha approfondito la rilevanza strategica del luogo, posto lungo la Via Francigena, e analizzato l’apparato figurativo della Precettoria con gli affreschi di Giacomo Jaquerio e la pala di Defendente Ferrari. Domenica 25 marzo la giovane Delegazione ha gestito le visite guidate a due beni: la precettoria di Sant’Antonio di Ranverso e la cappella della Madonna dei Boschi (la cui apertura era riservata ai soli iscritti Fai) e presidiato piazza Donatori di Sangue con uno stand informativo. Approfondimento su La Valsusa del 29 marzo.

Sara Ghiotto

Visitatori Sant'Antonio di Ranverso

Sono stati molto numerosi i visitatori della Precettoria di Sant’Antonio di Ranverso, durante la Giornata Fai

© Riproduzione riservata