logoCari abbonati,

anche quest’anno arrivo a casa vostra per proporvi di  rinnovare l’abbonamento a La Valsusa.
Era la fine degli anni Settanta quando il vescovo di allora mons. Bernardetto, da pochi mesi entrato in diocesi, mi disse: “da gennaio ’79 dirigerai tu il settimanale diocesano”.

Non c’era molto da discutere e con l’ingenuità dei miei giovani anni iniziai, come si dice, a fare il direttore.

Subito mi resi conto che l’unica vera ricchezza erano (sono) i suoi lettori, i nostri fedeli abbonati.

Più passa il tempo, e più mi rendo conto che non si può raccontare la storia della Val Susa di questi ultimi 100 e più anni senza sfogliare il nostro settimanale.

A questa ricchezza che siete voi, a questa sorta di azionariato popolare che sono i nostri lettori, mi rivolgo chiedendovi la fiducia con il rinnovo dell’abbonamento.

A passi sempre più veloci ci stiamo avvicinando ai 120 anni di vita de La Valsusa. Sembra un sogno, ma è una realtà. E ci stiamo riuscendo solo  grazie ai nostri fedeli abbonati.
E allora dai, è davvero tempo di

RINNOVARE IL VOSTRO ABBONAMENTO

Noi vi garantiamo un anno di notizie.

Un cordiale saluto a tutti.

Ettore De Faveri

Direttore responsabile

condizioni abbonamento

Per rinnovare l’abbonamento può utilizzare l’allegato conto corrente postale
oppure con bonifico bancario, Iban:
Unicredit IT 60 Z 02008 31060 000110060359;
Banca Prossima IT 81 W 03359 01600 100000115334
entrambi intestati a Stampa Diocesana Segusina srl – Piazza San Giusto 14 – 10059 Susa
oppure presso i Punti Abbonamento che troverà indicati sul giornale.

Le prime pagine del 2015