Cultura e spettacoli

Un viaggio per uscire dalla “zona grigia”

Un’altra voce del treno della memoria è quella di Giulia Gullone, 17 anni di Sant’Ambrogio. Ecco il suo racconto del viaggio straordinario che ha condiviso con centinaia di studenti. Era ottobre quando decisi di partire per il Treno Della Memoria.  Dicevano: “Fidati, ti cambierà la vita”, ma ero incredula e ancora non riuscivo a comprendere il significato di quelle parole. Sono partita con il tentativo di scoprire, ma soprattutto scoprirmi, scavare a fondo in me stessa e trovare risposte a quelle che per troppo tempo erano rimaste semplici domande. Ho visitato Budapest, città dimenticata e trascurata, che però conserva...

Leggi

Il tramonto di milioni di vite

Irene Bronzino, almesina, 23 anni, dal 10 al 18 febbraio, ha solcato i luoghi degli orrori nazisti insieme ai suoi coetanei del Treno della Memoria. Irene viaggiava con il Gruppo Giallo formato da giovani della Bassa Valle di Susa. Pubblichiamo la sua testimonianza. E’ la prima di una serie che proseguirà nei prossimi giorni “Un nome, una città, un campo. Milioni di persone sono l’oggetto di uno sterminio. I grandi numeri spaventano, sono difficili da visualizzare. Pensare alla singola persona è diverso, immaginarsi al posto di uno di loro, indescrivibile. Belzec è il simbolo di come l’essere umano possa...

Leggi

DOSSIER Cyberbullismo. Ragazzi sicuri sul web, una questione che riguarda tutti

“La sicurezza in rete dei ragazzi è una questione che riguarda tutti, nessuno escluso”. È quanto ricorda oggi al Sir Chiara Genisio, vicepresidente vicario della Federazione italiana settimanali cattolici (Fisc), in occasione del Safer internet day 2017, la Giornata mondiale per la sicurezza in Rete istituita e promossa dalla Commissione europea. “Questo appuntamento – spiega Genisio – non è uno dei tanti inseriti nel calendario. Ricorrenze in alcuni casi inflazionate. Ne siamo forse anche un poco assuefatti e disattenti. Non deve essere così per questa Giornata mondiale in quanto tematizza una questione che riguarda tutti da vicino”. Gli studi,...

Leggi

Pieroni (carabinieri di Susa): “I bulli viaggiano sul web e c’è troppa superficialità”

La cronaca ce lo ricorda quasi tutti i giorni: gli atti di bullismo non avvengono soltanto nelle scuole o all’esterno degli edifici scolastici ma corrono sul web attraverso i computer, i tablet e, soprattutto, i telefonini perennemente connessi a Internet. Il cyberbullismo è la vera emergenza che coinvolge, e troppo spesso sconvolge, la vita dei nostri ragazzi. Un fenomeno che ci riguarda da vicino  (inchiesta pubblicata su La Valsusa  del 29 settembre 2016) E’ successo in un paese della valle di Susa qualche tempo fa. Una ragazza adolescente“posta” una sua foto in costume a un suo amico su whatsapp...

Leggi

Cyberbullismo, parla la psicologa: “Prevenire si può, con regole chiare e attento controllo”

Manuela Versino è una psicologa e psicoterapeuta di Giaveno, lavora con adulti, bambini e adolescenti in contesti scolastici e di studio privato. L’anno scorso, in collaborazione con l’associazione “Isola delle Idee” e d’intesa con un rappresentante della Polizia Postale, ha incontrato, in momenti diversi, studenti, famiglie e docenti della scuola Media Gonin per affrontare il fenomeno del cyber bullismo. “ Un problema che si manifesta già alle Elementari, è facile vedere bambini con gli smartphone in mano – spiega – Per ora non ho assistito a casi eclatanti, ma parlando con i ragazzi emergono le modalità. Tra compagni e...

Leggi