Stasera, giovedì 14 dicembre, dalle 20, alla Taverna Tortuga di Chianocco, (ex Cotonificio), frazione Vernetto 18q, sarà presentato il libro “20ZLN”. Sarà presente l’autore, Andrea Cegna. Seguirà la proiezione del documentario  “23 anni di un sogno diventato realtà”. Di che di tratta? Di Zapatismo e Rivoluzione.

Gli organizzatori entrano nel merito: “È territorio zapatista, è Chiapas, è Messico, è America Latina, è la Terra. Ed è dicembre 2013, fa freddo come 20 anni fa e, come allora, oggi ci ripara una bandiera: quella della ribellione. Subcomandante Marcos.

Il 1° gennaio 1994 scoppiava la rivolta dei nativi del sud-est messicano. Attraverso l’Esercito zapatista di liberazione nazionale, l’opinione pubblica globale scopriva allora l’esistenza di un Chiapas diverso da quello delle cartoline turistiche, delle rovine maya e della sua meravigliosa selva.
20 anni di guerra sporca, conflitto sociale, dignità e opposizione al neoliberismo sono trascorsi nelle parole e nell’insorgenza di migliaia di donne e uomini coperti dal passamontagna. Da quell’angolo sconosciuto di uno dei più poveri stati del Messico è nato un vento che ha ibridato ovunque i linguaggi e le teorie su autonomia e autogoverno.
Il titolo di questo volume richiama l’attenzione sul processo sociale che si è attivato dietro la linea delle armi con la nascita dei caracoles nel 2003 e proseguito senza sosta fino al giorno d’oggi. 20zln è un mosaico di voci: dal centro per i diritti umani Frayba, dalla Brigada Callejera di Città del Messico, dai media indipendenti Promedios e Centro de medios libres. Alle quali si aggiungono le testimonianze di storici comitati italiani, alcuni interventi di artisti solidali (Rouge, 99 posse, Lo stato sociale e Punkreas) e i racconti orali sul recente viaggio all’interno dell’esperimento collettivo nato dalla fucina di idee e pratiche della lotta zapatista: l’escuelita”.

Interverranno:
ANDREA CEGNA, collaboratore in diverse emittenti radiofoniche lombarde tra cui Radio Popolare e Radio Onda d’Urto, è un instancabile agitatore culturale. È curatore di 20zln. Vent’anni di zapatismo e liberazione e di Strade strappate. Storia rappata dell’hip hop italiano.
ALBERTO “ABO” DI MONTE, è un agitatore sociale milanese del collettivo Off Topic, ha collaborato a Expopolis. Il grande gioco di Milano 2015 (Agenzia X 2013).