Sindaci e i consiglieri comunali sono chiamati alle urne, domenica 9 ottobre, per eleggere il nuovo Consiglio Metropolitano, dopo le elezioni amministrative del giugno scorso.
Uno dei seggi è collocato a Susa, gli altri si trovano presso la sede della Città Metropolitana, a Palazzo Cisterna, in via Maria Vittoria 12 a Torino, e nelle altre nove sezioni distaccate (Chieri, Chivasso, Ciriè, Collegno, Ivrea, Moncalieri, Pinerolo, Rivarolo Canavese , Settimo Torinese).
Tre le liste in lizza. Il Movimento 5 Stelle che si è già guadagnato la Presidenza dell’ente visto che, per legge, è affidata al sindaco della di Torino Chiara Appendino presenta in lista un solo candidato vicino alla valle di Susa. Si tratta del rostese Dimitri De Vita.
Non c’è più, invece, l’alleanza tra centro-destra e centro-sinistra che, fino a pochi mesi fa, ha affiancato l’ex sindaco di Torino Piero Fassino.
Pd e moderati da una parte, centro-destra dall’altra, presentano due liste diverse.
Pd e moderati, nella lista “Città di Città”, ricandidano il sindaco di Villar Dora Mauro Carena, già consigliere al bilancio e al personale nella gestione Fassino.
Non compare, invece, nella lista di centro destra il nome della segusina Gemma Amprino, anche lei consigliere delegato nell’era fassiniana, mentre dal punto di vista valsusino viene dato spazio ad Alessandro Battagliotti (Chiomonte), a cui si aggiungono, per le zone limitrofe, Paolo Ruzzola (già sindaco e oggi assessore di Buttigliera Alta), Mauro Usseglio Min (Buttigliera Alta) e Giuseppa Seminara (Rosta).