Il Municipio di Sant'Ambrogio

Il Municipio di Sant’Ambrogio

Domani sera, il consiglio della Zona Omogenea 6 avrà un ospite di alto calibro: Piero Fassino, sindaco di Torino e presidente della Città Metropolitana. Un incontro di lavoro, il cui svolgimento però si preannuncia tutt’altro che facile. Infatti, dalla pagina web notav.info è stato lanciato un appello: “Accogliamo Fassino!”. Un messaggio di benvenuto dal tono particolare. Infatti, come si legge ancora sulla pagina: “Se parliamo di bilanci e di denaro pubblico facciamo sentire la nostra voce, di fronte all’inutile spesa del progetto Torino Lione che risposta danno dal PD ai tagli alla sanità, alle piccole opere utili, alla scuola, all’assistenza verso le fasce deboli?”.

L’appello è stato lanciato ed è probabile che in molti si raccoglieranno la sera di mercoledì 3 a Sant’Ambrogio. Un Comune con un sindaco da sempre contrario alla linea TAV, che però ospita questa riunione perché proprio questo sindaco, Dario Fracchia, è il portavoce della Zona Omogenea 6, che comprende 43 Comuni tra Val di Susa e Val Sangone.

E proprio Fracchia, non volendo dare adito a ulteriori polemiche, precisa: “Siamo in democrazia e ognuno può fare quel che vuole. Quella di domani sera è una riunione di lavoro, in cui il sindaco della Città Metropolitana incontra i sindaci del territorio per parlare di viabilità, edilizia scolastica e welfare. La Città Metropolitana, è in fase di predisposizione del bilancio e ha deciso di contattare l’Area Omogenea Valsusa e Valsangone per raccogliere suggerimenti e proposte. Quindi è una serata di lavoro, una sorta di giunta allargata”.

Dario Fracchia

Dario Fracchia

L’incontro di lavoro si svolgerà a porte chiuse. “Verranno 43 sindaci ed ognuno credo si porterà un amministratore, quindi saremo almeno un’ottantina di persone. Non credo che apriremo ai giornalisti. È come se fosse una giunta, e la giunta non si apre ai giornalisti. Comunque i funzionari della Città Metropolitana raccoglieranno il resoconto di quanto verrà detto e lo trasmetteranno“.

Piero Fassino

Piero Fassino

Sulle possibili contestazioni, Fracchia sottolinea: “Siamo in democrazia, se qualcuno vuole venire a fare due fischi venga pure. Noi siamo tranquilli. E’ una riunione pubblica, visto che non si parla di nulla di segreto. Scriverò comunque un comunicato per il sito NO TAV, spiegando che cosa succederà domani sera. Ciò detto, ognuno è libero di far quel che vuole“.

Clima tranquillo quindi? “Non abbiamo preso nessuna contromisura”, precisa Fracchia. E conclude: “Quando c’è una personalità come Fassino è logico che una pattuglia dei carabinieri ci sia. Ma sarebbe lo stesso anche se andasse a Canicattì, perché è una personalità politica di livello nazionale. Comunque non è che blindiamo il Comune di Sant’Ambrogio solo perché arriva Fassino. Ci mancherebbe! Anzi, saremo noi sindaci a garantire che lui possa venire qui a fare il suo lavoro in tranquillità. Anche io, come sindaco contrario al Tav sarò in prima fila per garantire che possa lavorare in serenità. Lo accoglieremo all’esterno del Municipio, in modo che nessuno pensi di fare gesti particolari. Potranno esserci i fischi, ma per quelli c’è libertà d’espressione“.

Francesco Borello