Nella domenica del trionfo delle rosse di Maranello in Ungheria,  Sestriere si è trasformata nel circuito di un Gran Premio a dir poco strano: lo Jeppino Race. Protaginisti 40 impavidi piloti che si sono sfidati, domenica 30 luglio, nella prima edizione in quota  di una divertente e spensierata manifestazione sportiva non competitiva che ha intrattenuto turisti e villeggianti.

Il vincitore della classe Serie, Alex Scandiuzzi, e il suo Maggiolino DudùLa sfida ha visto come protagoniste le macchinine giocattolo che percorrendo la discesa sterrata di lunghezza circa 100 metri ricavata dalla zona di arrivo del tappeto sciistico Jolly sino all’area adiacente allo Stadio del Ghiaccio “E.Nasi”.

Ammessi al via piloti alla guida di macchinine, trattori, go kart, tricicli, mini fuoristrada, rigorosamente in plastica e senza motore e freni. Vecchi giochi d’infanzia, non più funzionanti, accantonati in garage che sono tornati a “ruggire” per l’occasione.

I concorrenti si sono sfidati in batterie ad eliminazione diretta disputando poi le semifinali e la finale. Ad imporsi nella categoria Serie è stato Alex Scandiuzzi mentre il successo nella classe Prototipi è andato Claudio Bergandi.

Molto spettacolari le prove di “baraonda” (non valide ai fini della classifica) con tutti i concorrenti che partivano contemporaneamente per una folle discesa ricca di scontri ed imprevisti meccanici. Una prova particolarmente divertente e molto apprezzata dal pubblico.

Raduno Fiat 500 d'EpocaA fare da contorno alla manifestazione, organizzata da Alessandro Bizzi ed il suo staff della Trailmeglio, sono stati i mercatini Street Events in piazzale Kandahar ed anche il Raduno Fiat 500 d’Epoca che ha riportato al Colle fantastici esemplari della mitica 500.