Aperte le iscrizzioni per i nuovi indirizzi del Classico e Sociale nella nuova sede staccata dell Blaise Pascal di Giaveno. SANGANO- E’ ufficiale. Con il nuovo anno scolastico 2009/10, che prenderà avvio da settembre, per la prima volta in Val Sangone ai aprono le porte di due nuovi licei, classico e sociopsicopedagogico (delle Scienze Umane), nella sede staccata dell’istituto superiore giavenese B. Pascal, in fase di costruzione a Sangano. Una gran bella notizia per tanti ragazzi e ragazze di terza media, amanti degli studi letterari, alle prese proprio in questi giorni con la difficile scelta della scuola superiore. E per agevolare quanti invece preferiscono calcoli e formule matematiche, e abitano nei comuni della bassa Val Sangone, nello stesso istituto troverà sede anche il biennio propedeutico dello scientifico. La conferma è stata data dall’assessore provinciale all’Istruzione Umberto D’Ottavio, nella conferenza stampa organizzata ad hoc lunedì 2 febbraio a Giaveno, alla quale hanno partecipato i sindaci di Giaveno e Sangano, Daniela Ruffino e Agnese Ugues – quest’ultima accompagnata dal vicesindaco Montanaro e dall’assessore all’Istruzione Balocco. i dirigenti scolastici dei tre istituti comprensivi della valle e dell’Istituto Blaise Pascal. Dopo la posa della prima pietra- per quanto la struttura fosse già in fase di costruzione – dello scorso 10 settembre, alla presenza del presidente della Provincia Saitta, ecco un ulteriore passo in avanti. ”Poter dare questa notizia proprio nel giorno di apertura della campagna di iscrizione alla scuola superiore è per me doppiamente significativo” ha affermato l’assessore Umberto D’Ottavio, che ha offerto una breve descrizione dello status quo in provincia sui giovani al confine tra terza media e il mio anno di scuola superiore: ”Sono circa 19.500 gli alunni all’ultimo anno delle medie – continua – e posso dire che praticamente la totalità prosegue ora gli studi. Molto pesante è la sezione nel primo anno di superiori, con un elevato numero di bocciature. Sta anche alle istituzioni pubbliche agevolarli nella scelta, aumentando l’offerta e riducendo la pendolarità”. Gli elogi sono poi tutti per il nuovo istituto di Sangano: ”Un investimento importante di 2 milioni e 590 mila euro, per una struttura che ha caratteristiche uniche in Piemonte in termini di ecocompatibilità e autosufficienza energetica. L’opera sarà terminata in aprile”. Si sofferma sull’ottima collaborazione tra Regione (coinvolto in particolare l’assessore all’Istruzione Pentenero), Provincia e istituzioni scolastiche il sindaco Ruffino, al quale si è aggiunto la soddisfazione del primo cittadino sanganese, Agnese Ugues: ”Sono felicissima perché si sta realizzando un sogno partito nel 2003 con l’allora preside Maria Laura Tizzani – ha dichiarato – Inoltre è una edificio che rappresenta anche un esempio per i cittadini, in virtù proprio della grande attenzione all’ambiente prestata nella sua realizzazione”.
Parola poi passata all’attuale dirigente scolastico dell’istituto Pascal di Giaveno, Giovanni Trincheri, presente alla conferenza stampa con la vicepreside Marina Caser: ”Per noi questo è un giorno di festa – ha esordito – E senza retorica mi sento di descrivere il nuovo liceo come una casa per i nostri studenti. Ma c’è anche una profonda emozione perché da oggi, con il via ufficiale alle iscrizioni, inizia davvero l’avventura.
Il ringraziamento a Provincia e Regione è doveroso”. L’attenzione è poi rivolta ai due nuovi indirizzi di studio scelti: decisione fondata su un’attenta campagna di orientamento tra i ragazzi. ”La risposta degli studenti si è tramutata nei due nuovi corsi istituiti. L’apertura del classico eviterà a tanti giovani di macinare chilometri su chilometri ogni giorno, mentre lo sociopsicopedagogico, quello che sarà il liceo delle scienze umane, fornirà anche al mondo femminile uno sbocco lavorativo.
Ad essi si aggiungerà anche il biennio propedeutico dello scientifico”. Alle 37 classi che oggi conta l’Istituto Pascal, si andranno così ad aggiungere altre 12 della nuova sede staccata, incrementando anche il numero dei suoi allievi, oggi 760, di cui metà giavenesi. Le iscrizioni alle classi prime dei tre nuovi indirizzi sono quindi aperte fino alla fine di febbraio. Scarica il file cliccando su questo link