MONT-CENIS, mercoledì 30 marzo. Ci sono eventi che non si ripetono spesso e un intervallo di 20 anni è un periodo piuttosto lungo, ma tanti ne sono passati dall’ultima opera di svuotamento totale del lago artificiale del Moncenisio. In questi giorni l’invaso è praticamente asciutto, tranne che in pochi punti. E’ stato necessario attendere circa un mese per svuotarlo, stiamo parlando di un bacino di 320 milioni di metri cubi, un lago con un perimetro intorno ai 17 km. Il livello dell’acqua è sceso di 100 metri, dai 1970 metri di quota del livello “pieno”. Grazie ad Edf e Enel è stato possibile visitare l’impianto, i lavori in corso e riprendere le immagini che raccontano il panorama attuale.
Si tratta dell’Ispezione Tecnica Completa che viene eseguita ogni 10 anni, per permettere tutte le operazioni necessarie in tema di controlli, manutenzione e sostituzione di alcune parti dove necessario. I controlli sull’installazione sono costanti: 365 giorni all’anno, 24 ore al giorno, in parte con personale sul posto, italiano e francese, in parte con apposite attrezzature. La diga e gli impianti che portano l’acqua alle centrali per la produzione elettrica sono sempre monitorati, perchè la sicurezza viene prima di tutto. Ora viene controllato a fondo tutto il sistema e vengono svolte le operazioni necessarie al buon funzionamento degli impianti. L’area è territorio francese, così come la responsabilità delle strutture, vi è però una stretta collaborazione con l’ente italiano, l’Enel, per la gestione del sistema. Gli accordi prevedono anche che 1/6 dell’acqua dell’invaso (circa 53 milioni di m3) possa essere sfruttato dall’Italia, così dalla presa principale posta sul fondo si dipartono due gallerie, una verso la Francia e l’altra verso laValle. L’impianto “italiano” è caratterizzato dalla conduttura, in pressione, che termina a Venaus, nella centrale in caverna, dove due gruppi turbina-alternatore sono alimentati dall’acqua del Moncenisio. Lo svuotamento, dal lato italiano, ha incanalato l’acqua verso due piccoli bacini posti sotto la diga sul lato ovest, qui e più a valle sono stati fatti i controlli sulla qualità dell’acqua, ossigeno disciolto e sedimenti, e poi i bacini, in particolare il primo, sono serviti a raccogliere i pesci che non erano stati trattenuti più a monte; da qui sono stati prelevati, e riportati nel lago naturale. Si tratta di qualche centinaio di esemplari, il più grande intorno agli 85 centimetri (4,5 kg circa), e le operazioni sono state seguite dalla Federazione Savoiarda per la Pesca e Protezione dell’Ambiente Acquatico. I lavori procederanno ancora per tutto il mese di aprile, sono tante le operazioni da compiere, c’è ancora parecchia neve, ma intanto resta il divieto di accesso all’area d’intervento: il sito è infatti pericoloso, non solo per i lavori ma anche per il rischio valanghe in alcuni tratti della strada, che è comunque monitorata.

VITO ALOISIO

 

Mercoledì 2, Gravere: Renzo Peyrolo non si ricandida alle elezioni per i vertici provinciali Aib. Capo distaccamento dell’Area 29, è tornato ad operare sul territorio dopo tanti anni di servizio come vice referente, referente e poi ispettore provinciale.
Susa: il bomber segusino Nunzio Lazzaro, classe ’80, in forza alla Pro Sesto di Sesto San Giovanni, Milano, che milita in serie D, mette a segno due gol contro il Ciserano: sono i centri 200 e 201 in carriera per l’inossidabile attaccante made in Susa.
Coazze: E’ il compleanno di Ester Gomba, 85 anni, l’ex donatrice di sangue Fidas più anziana del paese. Ha iniziato a donare nel ’63, a Torino. Può vantare ben 57 donazioni. Ora vive in borgata Cervelli.

Giovedì 3, S.Ambrogio: Si farà, nel 2017, una rotonda nei pressi del Giro dell’Ora, uno dei tratti più pericolosi della viabilità sulla statale 25. 500 mila euro il costo dell’intervento, suddivisi tra Anas e Comune, che ne dovrà sborsare 30 mila.

Sabato 5, San Giorio: Comincia un corso di base per la filatura della lana, a cura di Paolo Durandetto, per insegnare a realizzare i filati da utilizzare a maglia, all’uncinetto e al telaio.
S.Antonino: un’auto brucia nelle notte vicino al cimitero. All’interno viene ritrovato il corpo carbonizzato di Mauro Coletto, 52 anni, di Moncalieri, rappresentante di filtri per auto. L’autopsia ha stabilito che si è trattato di suicidio.

Domenica 6, Bussoleno: Alle 21, al PalaConti di via Fontan, l’eccezionale concerto “Noi Donne per le Donne”: sessanta musiciste in occasione dell’8 marzo eseguono un repertorio per banda tutto al femminile, guidate dalle direttrici Denise Selvo, Anna Maria Richetto e Paola Convertino.
Villar Dora: Il Comitato Villar Dora Sicura, sorto nel 2015 per dar vita ad un servizio di vicinato durante la notte, come risposta all’ondata di furti e rapine, si è costituito come associazione. I volontari, dal maggio 2015 al febbraio 2016, hanno effettuato 2100 ore di servizio e percorso oltre 25 mila km.
Susa: Festeggiati i primi 5 anni de “Il Mandorlo”, la comunità gestita dalle suore di monsignor Rosaz, che si occupa di mamme e bimbi in difficoltà. Dopo la messa celebrata da padre Beppe Giunti, il bilancio stilato dall’animatrice suor Margherita De Blasio e un musical a cura del gruppo Anima Libera.
San Giorio: Tatiana Andreoli conquista l’oro a squadre ai campionati mondiali juniores di tiro con l’arco, disputatisi a Ankara, in Turchia. Si è piazzata anche al secondo posto nella prova individuale.

Lunedì 7, Borgone: si è spento a 70 anni l’imprenditore, prima industriale e poi agricolo, Franco Celso, figlio di Mario, fondatore della Irem e premio Oscar a Hollywood.

Martedì 8, Alpignano: in piazza Caduti i bambini di due classi della scuola primaria Matteotti hanno dipinto di rosso due panchine che verranno poste su altrettante rotonde come monito contro la violenza di genere.

Mercoledì 9, Bruzolo: il premio nazionale Cartoshop Bic è andato alla piccola Sharon Serpa, della classe 4a, che si è piazzata tra le 18 premiate su 40 mila partecipanti. Il tema era “descrivi il tuo insegnante con un disegno”. Sharon ha raffigurato la maestra Margherita Chiolero e ha fatto vincere alla sua classe 500 euro in forniture di cancelleria.

Giovedì 10, Avigliana: la città dei laghi, tra il cento storico, la collina morenica e i due bacini, set del film “Dove non ho mai abitato”, del regista Paolo Franchi, con Emmanuelle Davos, Fabrizio Gifuni e Giulio Brogi.

Venerdì 11, Avigliana: si proietta in anteprima al Fassino “The Spirit Chaser”, ultimo film del regista valsusino Federico Alotto. Un horror girato anche a Borgone, nel parco Orsiera e all’istituto Pacchiotti di Giaveno. Concorrerà al Beverly Hills Film Festival.

Sabato 12, Venaus: si girano nei boschi vicino al torrente Cenischia le prime scene del film “Profumo di resina”, regia di Luigi Cantore, tratto dal romanzo di Fabrizio Arietti.
Trana: denunciati in 118 per il rave party nell’ex fonderia. Sono provenienti da tutta Italia, tra i 15 ed i 55 anni. Il sindaco Sada: “Mai data autorizzazione. Non accadrà più”.

Martedì 15, Bussoleno: un blitz dei carabinieri, con perquisizioni all’alba a casa di alcuni militanti No Tav, ha portato a due arresti domiciliari e a quattro obblighi di presentazione quotidiana alla polizia giudiziaria. Sono in tutto 30 gli attivisti accusati di avere circondato due autopattuglie dell’Arma al rientro da una manifestazione al cantiere di Chiomonte, il 17 settembre 2015. Dura reazione della sezione Anpi di Bussoleno, Foresto e Chianocco, del senatore Marco Scibona e della consigliera regionale Francesca Frediani, entrambi del M5S.

Giovedì 17, Vaie: all’Alcar, azienda che opera nella carpenteria ed è fornitrice di componenti per macchine di movimento terra, i  dipendenti (200 in Valle e 300 a Lecce) accettano un accordo sindacale che prevede il taglio dello stipendio (ma la cifra verrà restituita in seguito) scongiurando così il fallimento dei due stabilimenti.

Sabato 19, Sestriere: Gian Carlo Caselli e Libera Piemonte ospiti d’onore sul Colle in occasione della XXIma Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie”.

Domenica 20, Bussoleno e Avigliana: un successo la 24ma Giornata di Primavera del Fai, Fondo Ambiente Italiano, che a livello locale, con la presidente Marilena Gally, ha presentato ai visitatori il centro storico di Avigliana e due monumenti bussolenesi: Casa Aschieri e la Locanda della Croce Bianca.
Borgone: in un terreno lungo la statale 25 ignoti hanno asportato, tagliandole, circa ottanta piantine di noccioli. Le ipotesi: furto o vandalismo? Se lo chiedono anche i carabinieri.

Lunedì 21, Condove: letti dai ragazzi delle scuole, in piazza Martiri, 900 nomi di vittime della mafia. L’evento è stato organizzato dal presidio Libera Bassa Valle. Presenti numerosi sindaci. “Combattere l’illegalità e le mafie è anche compito nostro”, ha detto la sindaca Emanuela Sarti.

Martedì 22, Giaveno: un lungo corteo, mille persone circa tra allievi, docenti e genitori dell’istituto comprensivo Gonin, ha attraversato la città per sensibilizzare ad un consumo più responsabile dell’acqua.

Giovedì 24, Susa: nella messa del Crisma, la diocesi festeggia i canonici don Leo Ferrero e don Giovanni Penna, 70 anni di messa; don Paolo Di Pascale, 60 anni; don Angelo Bettoni e padre Sergio Merlo, 50 anni; don Silvio Bertolo e don Daniele Giglioli, 40 anni.

Sabato 26, Gravere: tutto esaurito per il docu-film di Luigi Cantore “La grappa del Forte di Gravere”, girato in collaborazione con il Gruppo 33 di Condove e che celebra l’opera dei distillatori locali.

Giovedì 31, S.Ambrogio: compie 50 anni di attività Gianni Giarratano, noto parrucchiere, partito da Strongoli, provincia di Crotone, ed oggi titolare di più saloni, con la figlia Marianna. Molti gli eventi in programma per il rotondo compleanno.
Buttigliera Alta: tra i protagonisti del talent di Sky “Junior Masterchef” anche Guglielmo Rossato, 9 anni, con la sua insalata di pollo esotica e una bandiera tricolore di polpette.
Bussoleno: il consiglio comunale fissa le tariffe per i matrimoni civili in paese: per i residenti, sposarsi in Comune o a Casa Aschieri costerà zero e 100 euro, gli esterni pagheranno invece 200 e 300 euro.