Case a ridosso del torrente a Ponte Pietra di GaivenoLa maxi precipitazione in arrivo martedì 4 e mercoledì 5 novembre dovrebbe abbattersi sulla Valle di Susa con minor violenza rispetto ad altre zone del Piemonte. Nonostante ciò l’invito è quello di non abbassare la guardia, perché la situazione potrebbe evolversi oltre le previsioni. Nel caso in cui si dovesse verificare una condizione di emergenza, il prefetto ordinerà l’apertura del C.O.M., al quale dovranno giungere tutte le segnalazioni riguardanti le criticità sul territorio. Dal canto suo, la Provincia si è resa disponibile a fornire risorse e mezzi.

I sindaci in riunione

I sindaci in riunione

E’ quanto emerso in una riunione che si è svolta oggi, lunedì 3 novembre, che ha visto radunarsi a Susa per la prima tutti i sindaci dei 36 Comuni della Valle per discutere delle modalità operative del C.O.M. (Centro Operativo Misto). Il C.O.M. è l’organismo che ha lo scopo di coordinare i servizi di emergenza in caso di calamità e, data la situazione d’allerta meteo preannunciata per questa settimana, il presidente del C.O.M., Sandro Plano, ha convocato la riunione perché la protezione civile sia pronta ad affrontare ogni evenienza.

(Francesco Borello)

 

Ed ecco le previsioni per i prossimi giorni secondo Nimbus.it

FORTI PIOGGE TRA MARTEDI E MERCOLEDI’ MATTINA, POSSIBILI ESONDAZIONI DIFFUSE SUI CORSI D’ACQUA MINORI
Un intenso flusso perturbato collegato a una vasta depressione atlantica sta per investire il Nord-Ovest, con piogge in netta intensificazione nel corso di martedì. Da mercoledì mattina il fronte perturbato si porterà più a est lasciando il Nord-Ovest in condizioni di tempo in parte soleggiato e variabile per qualche giorno.
L’evento di pioggia atteso tra martedì 4 e la mattinata di mercoledì 5 novembre si presenta molto intenso, anche se di durata non superiore alle 30 ore, il che gioverà a non determinare crisi alluvionali importanti sui corsi d’acqua principali, che vedranno comunque un sensibile aumento delle portate, anche oltre i livelli di attenzione (possibile esondazione del Po ai Murazzi di Torino); tuttavia piogge diffusamente superiori ai 100 mm determineranno crisi sulla rete idrografica secondaria di pianura e collina, con possibili esondazioni, allagamenti sulle zone di pianura prossime a rii e torrenti e dissesti sui pendii collinari, specie tra Cuneese, Torinese, Langhe, Monferrato, Alessandrino. Anche sul Nord Piemonte sono previste piogge intense, superiori ai 200 mm sulle valli, ma con possibili allagamenti più circoscritti, per lo più sempre sui tratti di pianura. Sulla Liguria di Ponente sono attesi tra i 200 e i 300 mm, quantitativi inferiori agli ultimi eventi alluvionali, ma più estesi e in grado di provocare locali crisi su alcuni torrenti, in corrispondenza di rovesci intensi concentrati in breve tempo.

____________________________________________________________________________
MARTEDÌ 04 NOVEMBRE 2014 – Attendibilità: buona

Cielo: nuvoloso

Precipitazioni: piogge in generale estensione e intensificazione nella notte tra lunedì e martedì, per lo più moderate o forti su alto Tanaro, Cuneese e zone prossime alla Liguria e dal mattino tendenti a divenire forti o molto forti su Cuneese, Torinese, Biellese, Valle d’Aosta orientale, Sesia e Verbano, con associati tuoni qua e là. Nevicate oltre i 2000-2200 metri, ma nel corso della giornata temporanei rovesci di neve molto umida entro le valli in calo fino a 1300-1500 metri, poi nuovamente in risalita a 1800 metri.

Venti: pianura e collina: moderati orientali, forti tra est e sud-est su nord Piemonte
fondovalle: moderati o forti tra est e sud-est
media montagna: forti da sud-ovest
alta montagna: forti da sud-ovest

Temperature: valori notturni in aumento (9/11 C in pianura e bassa collina; 6/9
C tra 500 e 1000 metri; 4/7 C tra 1000 e 1500 metri). Valori diurni in netto calo (8/11 C in pianura e bassa collina; 4/8 C tra 500 e 1000
metri; 1/4 C tra 1000 e 1500 metri). Nelle ore centrali zero gradi a 2000 metri.

____________________________________________________________________________
MERCOLEDÌ 05 NOVEMBRE 2014 – Attendibilità: buona

Cielo: nuvoloso fino al primo mattino, in seguito alcune schiarite da Cuneese, Torinese e Astigiano, ma in contesto variamente nuvoloso e con addensamenti cumuliformi e nubi più compatte tra Valle d’Aosta e nord Piemonte.

Precipitazioni: nelle notte tra martedì e mercoledì piogge ancora estese, ma diventano più moderate tra Cuneese e Torinese e restano intense su nord ed est Piemonte; cessano le piogge in mattinata, ma restano rovesci e locali temporali in giornata, specie tra Valle d’Aosta e nord Piemonte. Quota neve sui 1800 metri, 1500 metri sotto i rovesci, specie tra Valle d’Aosta e nord Piemonte.

Venti: pianura e collina: moderati orientali
fondovalle: moderati orientali
media montagna: moderati da sud-ovest
alta montagna: moderati da sud-ovest

Temperature: minime stazionarie (8/10 C in pianura e bassa collina; 6/9
C tra 500 e 1000 metri; 2/6 C tra 1000 e 1500 metri). Massime in aumento (12/15 C in pianura e bassa collina; 8/12 C tra 500 e 1000
metri; 4/8 C tra 1000 e 1500 metri). Nelle ore centrali zero gradi a 2000 metri.