-Ufficio stampa e comunicazione Comune di Almese-

Si è concluso MediaMente, un progetto di media education rivolto agli studenti della scuola secondaria di primo grado “Riva Rocci” finanziato dal Comune di Almese e gestito dalla Cooperativa Sociale Esserci.

Il progetto si è sviluppato in due step consecutivi.
Il primo step, durante l’anno scolastico 2013/14, ha coinvolto tutte le classi seconda; è stato realizzato un percorso di formazione sulla conoscenza e l’analisi critica dei principali media utilizzati dagli adolescenti. Nel corso del primo step, è stato inoltre proposto in orario serale un incontro formativo rivolto ai genitori, nel quale è stato affrontato un approfondimento sul mondo delle nuove tecnologie e dei nuovi media, con particolare attenzione al rapporto genitori-figli. Social-media

Il secondo step ha avuto luogo quest’anno ed ha coinvolto un gruppo di circa 20 studenti delle classi terza già coinvolte l’anno precedente. Il gruppo ha partecipato ad un laboratorio di media-espressione, nel quale è stato realizzato un cortometraggio. I ragazzi, attraverso questo video, raccontano il loro punto di vista nei confronti dei social media, raccontano quali possano essere i rischi, le potenzialità e sottolineano l’importanza di avere un approccio consapevole con questo mondo digitale, sempre più frequentato dai ragazzi della loro età.

Che cos’é la Media Education e quali sono i suoi obiettivi? La Media Education (ME) è un’attività educativa e didattica finalizzata a fornire competenze che favoriscono una lettura, un’analisi e una produzione critica dei media.
Lo scopo della ME è offrire alle nuove generazioni non solo le chiavi per la comprensione dei media, ma anche suscitare nuovi artigiani per una migliore qualità dei media e per un apporto costruttivo della loro cultura alla civiltà degli uomini.

La ME è, in questo senso, educazione alla cittadinanza: in una società sempre più legata al multischermo e allo spazio pubblico digitalizzato, si propone l’obiettivo di educare attraverso l’attivazione di processi di analisi e decodifica dei linguaggi mediali (formazione di “lettori critici”) e la costruzione e messa in circolo di messaggi critici (la formazione di “autori consapevoli”). L’obiettivo principale è, quindi, quello di creare un cittadino media-alfabetizzato.

“Come amministrazione abbiamo voluto dare il nostro contributo al progetto MediaMente in modo che venisse completato il percorso cominciato nel 2013” ha dichiarato l’Assessore all’Istruzione Rachele Cerrato, “ E’ un tema questo che ci sta molto a cuore perché ci coinvolge tutti. Spesso i ragazzi non ricevono gli strumenti che gli consentano di padroneggiare con i nuovi media. L’esempio degli adulti purtroppo non è sempre positivo in questo senso. Quotidianamente ci troviamo immersi in un flusso di informazioni di media tradizionali, social, reti informali. Siamo tutti parte di questo flusso incessante ed è per questo che fin da ragazzi è fondamentale riceve una buona formazione in questo senso per diventare cittadini consapevoli, in grado di gestire questi flussi”.

Scritto in collaborazione con Valeria Zangara, resp. Progetto MediaMente – Cooperativa Sociale Esserci