Per dissuadere i migranti che cercano di attraversare la fronti era in Alta Valle di Susa arriverà  “al più presto” a Oulx un presidio mobile con alcuni volontari e un mediatore culturale. Lo annunciano i sindaci di Claviere, Bardonecchia e Oulx, Franco Capra, Francesco Avato e Paolo De Marchis, al termine di un incontro svoltosi oggi in Prefettura a Torino proprio sulla situazione migranti in AltaValle di Susa, al confine con la Francia.Il presidio rientra in un progetto di assistenza coordinato dal comune di Bardonecchia e concordato con la Prefettura. “E’ importante far capire a chi é in viaggio che, malgrado le criticità, il sistema italiano può dare maggiore aiuto e garanzie. E’ importante convincere i migranti a non andare in un Paese inospitale come la Francia. Qui hanno più diritti e più accoglienza”, spiega Capra.

A Claviere, giovedì scorso, gli attivisti di Briser Les Frontieres, hanno occupato i locali seminterrati della parrocchia e allestito un punto di assistenza per i richiedenti asilo.

Nei giorni successivi la Chiesa locale di Susa ha inviato a Claviere il vicario generale della diocesi don Daniele Giglioli e l’arciprete di Bussoleno don Luigi Chiampo, da sempre impegnato in iniziative di solidarietà a favore delle persone in difficoltà.

Servizio su La Valsusa di giovedì 29

© Riproduzione riservata