C’era anche un giavenese tra gli otto “ignoti” da indovinare nella puntata del 4 gennaio del noto programma tivu di Rai Uno condotto da Amadeus dopo il tg della sera. Era Alessandro Moschietto, 28 anni, titolare di un’azienda agricola in borgata Fornello, al confine tra Giaveno e Coazze. Alla sua identità era abbinata la particolare produzione di salami di capra. “E’ stata la produzione Rai a contattarmi, dopo aver visto a novembre su web un’intervista che era stata fatta a me e ad altri giovani di Confagricoltura – spiega – In quell’occasione avevo detto che producevo anche salami di capra e questo particolare ha colpito i produttori della trasmissione, tanto da cercarmi. Ho spiegato che si trattava di una produzione di nicchia e stagionale, dai numeri ridotti”. Durante la trasmissione, Moschietto – la cui identità è stata azzeccata dal concorrente – ha spiegato le caratteristiche di questo salame, gustoso e piuttosto piccolo, stile cacciatorino. Il giavenese si è recato a Roma a metà dicembre per registrare la puntata, tutto a spese della produzione Rai: “E’ stato interessante vedere dal vivo come si svolge il dietro le quinte di un programma televisivo. Per quanto per ovvi motivi non si possa fare il nome dell’attività, è comunque un’ottima vetrina”. Non è la prima volta che un giavenese compare ai Soliti Ignoti: vi aveva partecipato l’anno scorso un altro giovane, Luca Martinacci, ma in qualità di concorrente.

Anita Zolfini