Treni, indetto un incontro come “Quadrante” di Torino. Parla il rappresentante del Comitato locale, Maurizio Favot SUSA- Continua il lungo braccio di ferro, anche se condito da toni piuttosto inusuali in Italia perchè educati, tra i locali comitati dei pendolari e la Regione Piemonte, assessorato ai trasporti, a colpi di messaggi di posta elettronica.

In un recente incontro a Chiomonte, l’assessore Barbara Bonino aveva appunto rimarcato con forza il fatto che, dal punto di vista dei treni passeggeri, la valle di Susa non sarebbe stata assolutamente penalizzata, ma anzi il servizio sarebbe stato potenziato.

Ma mentre in questo preciso momento non è ancora stata fornita la bozza dei nuovi orari dei treni ai comitati, la Regione ha indetto invece un incontro con le amministrazioni comunali interessate.

Il portavoce del gruppo dei “Pendolari di Susa”, Maurizio Favot, sul merito, ha dichiarato: “I comitati pendolari esistono ancora, nonostante tutto.

Adesso sembra che Trenitalia abbia indetto una riunione con i sindaci dei comuni interessati per esaminare la bozza dei nuovi orari, escludendoci dall’incontro. Se questo fosse confermato, ritengo che sia un grave svilimento dell’attività svolta dai comitati pendolari”.

G.B. La stazione di Susa