-Ufficio stampa e comunicazione Comune di Almese-

Il giorno 30 marzo alla presenza dell’Assessore alle Politiche Sociali Aglianò e dei rappresentanti delle principali sigle sindacali in Valle di Susa si è svolto un incontro il cui risultato è stata la firma di un protocollo d’intesa, già approvato dalla Giunta Comunale nelle scorse settimane, che ha come obiettivo principale quello di poter consultare le organizzazioni sindacali nella pianificazione delle politiche sociali e tributarie con particolare attenzione alle categorie più deboli. Nel concreto il protocollo prevede di poter affrontare insieme i nodi sulla modulazione delle tariffe comunali, le fasce isee, la definizione del bilancio del Comune e tutti quei temi su cui le organizzazioni sindacali possono offrire il loro apporto e la loro esperienza e competenza per aiutare l’Amministrazione comunale ad elaborare strumenti che possano limitare gli effetti negativi della crisi sui cittadini.

All’incontro erano presenti Maurizio Poletto, Responsabile Cgil Valle Susa, Agostino Demichelis per la FNP Cisl, Vincenzo Crespino per SPI CGIL Avigliana e Felice Celestini, Responsabile di Zona di SPI CGIL. “Apprezziamo questo primo passo fatto insieme con la nuova Amministrazione di Almese” hanno dichiarato i rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali, “siamo disponibili ad affrontare fin da subito le tematiche legate al reddito, la qualità della vita di tutti quei soggetti colpiti dalla crisi, in particolare giovani, disoccupati e anziani. Vorremmo affrontare il tema della redistribuzione e progressività delle tariffe attraverso la creazione fondi di solidarietà per sostenere quei cittadini che stanno vivendo sulla loro pelle gli effetti della crisi”.

Un prima iniziativa è quella di un questionario che verrà distribuito alla popolazione con età superiore a 65 anni con l’obiettivo di raccogliere informazioni su quali sono le maggiori criticità e disagi che gli over 65 vivono in questo momento sul nostro territorio. Una volta compilato il questionario potrà essere restituito presso le Sedi Sindacali di zona, gli uffici comunali, l’ufficio della Polizia locale. Le informazioni su modalità di compilazione e di restituzione sono indicate sul foglio che i cittadini interessati riceveranno a casa con una lettera accompagnamento

Si tratta di un’iniziativa a costo zero in quanto la distribuzione e l’elaborazione dei dati verrà fatta da volontari del sindacato” ha dichiarato l’Assessore alle Politiche Sociali Aglianò “i cui risultati sono però molto preziosi perché ci permetteranno di avere una fotografia della situazione della nostra popolazione con più di 65 anni. Maggiore sarà il numero delle risposte migliore sarà il campione dell’indagine e di conseguenza i risultati saranno più rispondenti alla situazione reale. Questo ci permetterà di poter prendere delle decisioni più mirate cercando di intervenire dove vi è reale necessità tenendo conto della penuria di risorse. Questo eviterà sprechi di denaro pubblico in iniziative che magari non sono prioritarie, invece potremo focalizzarci su ciò che realmente serve. Invito pertanto tutti i cittadini che riceveranno il questionario a compilarlo e restituirlo. Questo semplice gesto è di grande aiuto e rappresenta un piccolo esempio di partecipazione dei cittadini alla gestione della cosa pubblica”.