fer03Il rombo dei motori si è fatto sentire, la mattina di domenica 30 agosto, lungo la ex Statale 25 (via Moncenisio). Una trentina di Ferrari, quasi tutte rosse ma anche qualcuna gialla, nera e grigia, si sono date appuntamento per il raduno promosso dai commercianti del paese.

Un apprezzato aperitivo (insieme all’esibizione del gruppo folk Patrina della Citta di Montana in Bulgaria giovedì 27 in piazza) della festa patronale del paese, in vista di altri piatti da assaporare nel week che sta per iniziare, “cucinati” ancora una volta dai commercianti con il Comune e le associazioni del paese. I bolidi di Maranello (uno con targa Svizzera e un’altra del Principato di Monaco), sono tornate in paese dopo la fortunata edizione del Ferrari Day dell’anno scorso. E a precederle sabato 29 è stata la “notte bianca” organizzata sempre dall’Associazione Commercianti presieduta dall’infaticabile Davide Orizzonte. Lungo le vie del paese, fin dalle 14.30 e fino a mezzanotte, la centrale via Torino è stata “occupata” dalle bancarelle dell’usato mentre davanti ai bar del paese si sono svolti piccoli eventi all’insegna della musica e dell’intrattenimento.

Intanto la festa entra nel vivo con gli appuntamenti di questo week end. Dopo “Coppelia”, balletto portato in scena giovedì sera nel Polivalente da “Aurora per la Danza”, venerdì c’è stata l’inaugurazione della collettiva collettiva di pittura di Sgobba, Mingotti e Schettino, che rimarrà aperta per la durata della festa.

Sabato 5, alle 18, la Messa e la processione con le reliquie del santo patrono lungo via Torino. E poi un’altra notte bianca, sempre a cura dei Commercianti, con inizio alle 14.30 e conclusione alle 24: previsti animazioni, gruppi musicali e mercatino.

Ad accendere la serata della festa saranno i tradizionali fuochi artificiali, lanciati nel cielo dall’area di via Susa verso le 21.45.

Musica protagonista dalle 18 nel Caffè 500 sulla Statale e in Borgata Cresto che, a cura del chiosco Ancheancora del Parco Scholzel Manfrino,vedrà l’esibizione dei “99 floor” (band di Garage Punk).

Domenica 6 … la notte non finisce mai. Perché si va avanti dalle 9 alle 24, sempre con animazione, gruppi musicali e mercatino. Alle 11, in Chiesa, ci sarà la Messa domenicale.

E nel pomeriggio piazza Libertà si trasformerà in un “salotto di carta”, con letture, ruota dei libri, angolo dei bambini, origami e trucca bimbi, il tutto a cura della Biblioteca Comunale. Fino alle 17, quando prenderà il via il “flash mob” di lettura, con Elena Macina e Paolo Veglio.

Mentre alle 15.30, in Borgata Cresto, l’associazione “Ancheancora” organizza un laboratorio fotografico dal titolo “Fotografi si nasce o si diventa”.

Altra originale iniziativa, organizzata dai Commercianti, quella che prenderà il via alle 20. Il nome è già invitante: “Mangiando nei cortili”. Alcuni luoghi caratteristici del paese ospiteranno cene a tema, da quella con i prodotti “a km zero” nel cortile delle absidi, alla cena partenopea, a quella messicana fino alla cucina siciliana.

Tradizionale l’appuntamento di lunedì 7 settembre, con la polenta e lo spezzatino organizzato alla Fontanassa da Alpini e Aido.

Alle 20 la struttura coperta di piazza della Pace ospiterà, un concorso non tanto e non solo di bellezza ma di simpatia, organizzato dai Commercianti. Una giuria popolare sarà chiamata a votare la “miss” e il “mister” che sapranno dar prova di simpatia, arguzia e intelligenza ancor prima che di bellezza. Nella stessa serata i commercianti di S.Antonino presenteranno i loro prodotti”.

Poi è tutto uno scorrere di iniziative.

Mercoledì 9 settembre alle 12,30 i locali della parrocchia ospiteranno il pranzo sociale del Gruppo Anziani e Pensionati .

E poi uno dei momenti clou del cartellone dei festeggiamenti: il concerto della Società Filarmonica Santa Cecilia, in programma venerdì 11 settembre. Già, perché questa sarà la prima “patronale” senza il maestro della Banda Giovanni Votta, scomparso nell’ottobre dello scorso anno. Un ricordo, il suo, che segnerà ogni evento della festa di S.Antonino edizione 2015