Il 7 marzo 1992 è la notte degli Oscar al Century Plaza Hotel di Los Angeles, e Mario Celso viene premiato per il suo raddrizzatore di corrente, brevettato nel 1946, che ha contribuito ad eliminare il fastidioso effetto “sfarfallio” delle proiezioni cinematografiche. È entrato nella storia del cinema ed è stato fondatore dell’azienda santantoninese IREM (Industria raddrizzatori elettromeccanici).

Da quella sera sono passati più di 20 anni, ma 100 dalla nascita di Mario Celso, avvenuta a Sant’Antonino il 1° marzo 1917. Così venerdì scorso, 3 marzo 2017, l’Unitre e la Società Filarmonica Santa Cecilia di Sant’Antonino hanno voluto ricordare l’imprenditore valsusino con un concerto nella chiesa parrocchiale del paese. L’evento ha visto la presenza della sindaca Susanna Preacco, del parroco don Sergio Blandino, del presidente Unitre del paese, Paola Comolli, e di Piero Del Vecchio.

Servizio di Andrea Diatribe su La Valsusa in edicola dal 9 gennaio