Nella mattinata di martedì 5 dicembre, a Sangano,  un medico e due infermiere avrebbero dovuto recarsi a casa di un paziente, malato terminale, per fornirgli le cure necessarie.
La casa però si trova in borgata Prese, luogo rimasto semisolato in seguito alle abbondanti nevicate dei giorni, e l’unica strada che sale da Trana risultava ghiacciata e  impercorribile dai mezzi comuni. Per questo il personale sanitario non è riuscito a raggiungere l’uomo e ha chiesto aiuto al sindaco di Sangano, Agnese Ugues. “Tutti i mezzi di soccorso della Val Sangone che ho interpellato (Aib, Protezione Civile, Croce Rossa e altri) non riuscivano proprio a percorrere quella strada, nonostante a più riprese fossero già intervenute le ditte per lo sgombero neve di Sangano e di Trana – spiega il primo cittadino – Ho quindi smosso mari e monti e sono riuscita a interpellare il Comando dei Vigili del Fuoco che mi ha assicurato il trasporto delle operatrici sanitarie con una motoslitta. Così è stato e li ringrazio vivamente”.