primo_film SESTRIERE – Si è conclusa fra gli applausi la 4° edizione del Sestriere Film Festival “Dalle montagne olimpiche…uno sguardo sul mondo”, Festival Internazionale del Film di Montagna tenutosi al Colle dal 2 al 9 agosto. Il Gran Galà Internazionale delle Montagne Olimpiche, sabato 9 agosto, ha chiuso una settimana di proiezioni d’alta quota al Cinema Fraiteve incoronando i vincitori dell’edizione 2014. Sono state 22 le produzioni (80 in totale quelle iscritte al concorso provenienti da Italia, Francia, Germania, Spagna, Marocco, Svizzera, Cile, Usa, Messico, Iran, Argentina) che hanno avuto accesso alla finale assieme a 14 fotografie di montagna.  Anche per quest’edizione del Festival, tutte le attività e gli incontri sono stati ad ingresso libero per volontà dell’organizzazione dell’Associazione Montagna Italia, in collaborazione con il Comune di Sestriere.

Uno staff, quello dell’Associazione Montagna Italia, coordinato dal Presidente Roberto Gualdi che ha ricevuto i complimenti da parte del Sindaco di Sestriere, Valter Marin. “Sono molto soddisfatto  – ha dichiarato Marin – sia per il consenso del pubblico che per la qualità sempre crescente della rassegna, quest’anno impreziosita dalla proiezione del film fuori concorso ‘Un centesimo di secondo’ con Saverio Vallone che è stato il testimonial del nostro festival”.

SAVERIO VALLONE – Saverio Vallone l’attore, regista teatrale, cinematografico e televisivo è stato il testimonial di quest’edizione del Festival. Mercoledì 3 agosto c’è stata la proiezione del film fuori concorso “Un centesimo di secondo” di Duccio Tessari del 1981, opera che vede Saverio Vallone protagonista con diverse scene girate proprio a Sestriere. Durante la serata è stato ricordato il padre Raf Vallone, attore, calciatore, giornalista e partigiano italiano, vissuto a Torino per molti anni e sciisticamente di casa a Sestriere con tutta la sua famiglia.

primo_foto

DONNA VERDE – Ospite a sorpresa per questa quarta edizione del Sestriere Film Festival, Beatrice Moisio, la musa ispiratrice della “Donna verde”, illustrazione realizzata nel 1952 dal celebre artista Gino Boccasile. La Donna Verde, una delle ulti

me opere realizzate dal genio artistico di Boccasile (scomparso nel 1952), è stata per anni la campagna promozionale della stazione sciistica creata dalla Famiglia Agnelli. Recentemente è stata ripresa dall’Amministrazione guidata dal Sindaco Marin ed è anche stata scelta come immagine per il manifesto del Sestriere Film Festival. Beatrice Moisio, oggi 79enne, è stata chiamata sul palco nella serata inaugurale per una piccola sorpresa al pubblico presente ed ha ricevuto un attestato di riconoscenza da parte dell’organizzazione del Sestriere Film Festival.

SERATA FINALE – La serata finale è stata aperta dal filmato furi concorso “La Via Eterna” con protagonista la grande alpinista Nives Meroi dedicato al tema della donna in montagna nell’anno del 150° dalla prima salita femminile al Monviso. Sul palco per un saluto al folto pubblico presente, il regista Giorgio Gregorio. A seguire è stato proiettato un altro filmato fuori concorso “La Gara Regina”,  realizzato con le immagini dei CASTA, ovvero i Campionati Sciistici delle Truppe Alpine che si sono svolti a Sestriere e sulle Montagne Olimpiche a fine gennaio,  realizzato dal Comando Brigata Alpina Taurinense e dal Comando delle Truppe Alpine.  Presenti sul palco per un saluto: il Maggiore Stefano Bertinotti, il Caporale Maggiore Capo Marco Morisi, il Caporale Maggiore Capo Paolo Massardi.

I VINCITORI  – Il primo premio del  concorso cinematografico è stato assegnato a “Chiedilo a Keinwunder” di Carlo Cenini e Enrico Tavernini. La motivazione da parte della giuria è stata la seguente. “Il film si distingue per la grande ironia che lo pervade. Le seriose interviste ad alcuni personaggi non solo del mondo alpinistico, ma anche filosofico, inducono lo spettatore a pensare che la storia sia reale e che il protagonista sia davvero esistito. Soltanto nel finale invece si coglie quanto tutto sia un’incredibile montatura cinematografica. La Giuria decide di assegnare il massimo premio al film per questa originale e geniale finzione”. Hanno ritirato il premio sul palco del Cinema Fraiteve Enrico Tavernini e Carlo Cenini, gli autori dalla Provincia di Trento premiati dal Presidente del Festival, Roberto Gualdi, dal Sindaco del Comune di Sestriere, Valter Marin e da Riccardo Vicentini di Ardes Progetti. Il secondo premio è andato a “Nubra – Là ou naissent les rivieres” di Jacques Alois Morard. A premiare Jacques Alois Morard e Martin Bartelt, arrivati dalla Svizzera, sono stati il Vicepresidente del Cai Nazionale Ettore Borsetti e dal Presidente del Cai Bardonecchia Piero Scaglia. Il terzo premio è stato conquistato da “Guides & Cie” di Gilles Chappaz con il regista francese premiato dal Vicesindaco di Sestriere, Gianni Poncet.

La giuria, presieduta da Piero Carlesi, ha inoltre assegnato una menzione speciale a “Alta via dei parchi”. Viaggio a piedi in Emilia Romagna di Serena Tommasini Degna.

CONCORSO FOTOGRAFICO – Per il concorso fotografico che da sempre è abbinato al Sestriere Film Festival è stato premiato lo scatto di Danilo Vottero Viutrella intitolato  “Capolino”. Danilo Vottero Viutrella, autore della fotografia premiato dalla vera donna in Verde Beatrice Moisio, dall’attore Saverio Vallone e da Riccardo Vicentini di Ardes Progetti.

La serata, ricca di emozioni, si è conclusa con l’arrivederci all’edizione 2015 e la proiezione del filmato fuori concorso: “Diario di Guerra dal Corno di Cavento” di Marco Sala, dedicato ai 100 anni dalla Prima Guerra Mondiale. Pellicola messa a disposizione dal Centro di Cinematografia e Cineteca del Cai. Infine gli organizzatori hanno ringraziato per il supporto, oltre alla Regione Piemonte e al Comune di Sestriere, il CAI, la Fondazione Crt e alla Camera di Commercio di Torino e la SR Cinema che gestisce la sala cinematografica di Sestriere.  Per maggiori informazioni sulla rassegna: www.montagnaitalia.com