-Ufficio stampa Spaesamenti-

10 giovani cinefili italiani e francesi, 10 documentari,
3 giorni di proiezioni e incontri, 2 videoinstallazioni
27-28 febbraio e 1 marzo 2015, SUSA (Torino)

A Susa si parlerà di cinema e frontiere durante SPAESAMENTI/DÉPAYSEMENTS – INCONTRI SUL CINEMA DEL REALE DI CONFINE, una tre giorni di proiezioni, incontri e dibattiti che, dal 27 febbraio al 1 marzo 2015, proporrà una selezione di documentari sul tema dello spaesamento, nel suo significato letterale e figurativo; un’occasione di riflessione per immagini sui confini e le frontiere fisiche, culturali, etiche e sociali.

Ce qu'il reste de la folie

Ce qu’il reste de la folie

SPAESAMENTI/DÉPAYSEMENTS – INCONTRI SUL CINEMA DEL REALE DI CONFINE è il risultato di un percorso di formazione di critica cinematografica legata al mondo del documentario che ha coinvolto, lungo un intero anno, 10 GIOVANI STUDIOSI DI CINEMA italiani e francesi. Sotto il costante tutoraggio delle due associazioni capofila del progetto – il Centro di Cooperazione Culturale di Torino e Airelles Vidéo di Aix-en-Provence – i 10 giovani cinefili hanno ideato e realizzato il festival che, dopo una prima tappa a Forcalquier in Alta Provenza (18-20 dicembre 2014), arriva al pubblico italiano a Susa, dal 27 febbraio al 1 marzo 2015. Un FESTIVAL ITINERANTE – tra Francia e Italia – per scavalcare i confini geografici, culturali e linguistici in nome del cinema del reale.
Come afferma Mauro Brondi, Presidente del Centro di Cooperazione Culturale, “non va dimenticato il respiro europeo del progetto, con lo scambio Italia-Francia che non è stato solo un incontro e un confronto culturale, ma anche uno scambio di metodi e di buone pratiche, grazie alle esperienze precedenti dei due enti partner del progetto. Spaesamenti è un progetto originale e di ampio respiro che unisce la formazione teorica con l’organizzazione pratica di eventi culturali. Promuovere poi la visione dei film studiati e selezionati proponendoli in sala al grande pubblico e presentare il percorso fatto, è il vero senso del progetto: diffondere e promuovere la cultura, rendendo protagonista il cinema documentario, i giovani e i luoghi coinvolti nel percorso in un festival itinerante fra Italia e Francia”.
Il programma di SPAESAMENTI/DÉPAYSEMENTS, curato dai 10 giovani partecipanti al percorso di formazione, propone la visione e la discussione su 10 FILM DOCUMENTARI DI PRODUZIONE ITALIANA E FRANCESE che trattano il tema del confine: Il passaggio della linea di Pietro Marcello (Italia, 2007, 58′), Imatra di Corso Salani (Italia, 2007, 75′), Materia oscura di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti (Italia, 2013, 80′), Sui bordi – Dove finisce il mare di Francesca Cogni (Italia, 2013, 39′), Inseguire il vento di Filippo Ticozzi (Italia, 2014, 60′), Taxiway di Alicia Harrison (Francia, 2013, 60’), Amours et métamorphoses di Yanira Yariv in anteprima nazionale (Francia/Italia, 2014, 88’), Les messagers di Helene Crouzillat e Laetitia Tura (Francia, 2013, 70’), Comme des lions de pierre à l’entrée de la nuite di Olivier Zuchuat (Francia/Grecia/Svizzera, 2012, 87′), Ce qu’il reste de la folie di Joris Lachaise (Francia, 2014, 100′).

Materia Oscura

Materia Oscura

All’interno del cartellone del festival transfrontaliero, oltre alla presenza di una selezione di cortometraggi a tema tratti dall’archivio di Piemonte Movie, si rifletterà sulla frontiera e sullo spaesamento anche attraverso due videoinstallazioni: quella della videoartista e fotografa Silvia Bigi e di Luca Maria Baldini, Spaesamenti, e quella dell’artista e documentarista Anna Marziano, Variazioni ordinarie.

Al festival saranno presenti, tra gli altri, Margherita Salani, dell’Associazione Corso Salani, la sceneggiatrice di Imatra Vanessa Picciarelli, l’autrice di Sui bordi – Dove finisce il mare Francesca Cogni, la documentarista francese Yanira Yariv e l’interprete del suo film Amours et métamorphoses Andrea Vergoni, il regista di Ce qu’il reste de la folie Joris Lachaise, gli autori di Materia oscura Massimo D’Anolfi e Martina Parenti, il regista di Inseguire il vento Filippo Ticozzi e gli artisti Silvia Bigi, Luca Maria Baldini e Anna Marziano.
***
Le proiezioni sono realizzate in collaborazione con il Valsusa Filmfest, che da più di vent’anni anima il territorio valsusino attraverso concorsi cinematografici e numerosi eventi tra letteratura, cinema, musica, arte e impegno civile. Spaesamenti/Dépaysements sostiene la campagna di crowfunding promossa proprio in questi giorni “Io sto con il Valsusa Filmfest” per la difesa dell’ambiente e il recupero della memoria.

Luoghi del festival: le proiezioni e gli incontri si terranno presso il Cinema Teatro Cenisio di Susa (Corso Trieste 11), mentre le videoinstallazioni saranno fruibili all’interno del Museo Diocesano d’Arte Sacra di Susa (Via Giuseppe Mazzini 1).

Tutti gli appuntamenti di Spaesamenti/Dépaysements sono ad ingresso gratuito.
***
Spaesamenti/Dépaysements è realizzato dal Centro di Cooperazione Culturale di Torino con il laboratorio di produzione e realizzazione di film documentari Airelles Vidéo di Aix-en- Provence, con il sostegno dell’Unione Europea – Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale nell’ambito del programma di ALCOTRA 2007-2013 “Insieme oltre i confini”.

Il progetto è realizzato con il patrocinio di Provincia di Torino, Città di Torino, Comune di Moncenisio, Comune di Susa, Mairie de Prads-Haute-Bléone.

In collaborazione con Cinemambiente, Valsusa Filmfest, Piemonte Movie, Documentary in Europe, Archivio Nazionale Cinema d’Impresa, Zenit Arti Audiovisive, Università degli Studi di Torino – Dams, UCCA, Fondazione Fitzcarraldo, La Miroiterie, Rencontres Cinématographiques de Digne-les-Bains et des Alpes-de-Haute-Provence, Marie de Tartonne, Marie de Forcalquier, Associazione Corso Salani, Cinématèque Suisse, Valle di Susa – Tesori di Arte e Cultura Alpina, Centro Culturale Diocesano di Susa.

Con il coinvolgimento di alcuni istituti della Val di Susa (Liceo Norberto Rosa di Susa, Istituto di Istruzione Superiore Statale “Luigi Des Ambrois” di Oulx, IIS Statale Enzo Ferrari di Susa).

Partner enogastronomici del territorio: Azienda Agricola Il Brusafer di Alberto Efrem (Mattie); Azienda Agricola Vitivinicola Prever (Villarbasse); Salumeria Valsangone (Coazze); Il Forno del Borgo (Avigliana); Birrificio San Michele (Sant’Ambrogio di Torino); Azienda Agricola Martina (Giaglione).

Per informazioni: info@spaesamenti.eu / www.spaesamenti.eu