binariNiente treni regionali (al momento non si sa cosa sarà deciso per i treni internazionali) dal 14 al 18 agosto sulla linea ferroviaria Torino-Bardonecchia, almeno tra Bussoleno e la città. I convogli saranno sostituiti da navette bus.
Motivo, l’esigenza di effettuare lavori ad Alpignano e Rivoli ma soprattutto tra Chiusa di San Michele e Vaie. Proprio in quei giorni, infatti, verranno collocate le arcate dei due sovrappassi di Chiusa, nei pressi della stazione ferroviaria e di via General Cantore. Mentre il sovrappasso di Vaie, per la posa dell’arcata, dovrà probabilmente attendere qualche settimana.
Un passaggio importante, quanto meno dal punto di vista “visivo” che darà il segno che i lavori proseguono a spron battuto e che, se non ci saranno intoppi, i previsti 400 giorni di lavoro saranno rispettati, con una probabile apertura dei tanto sospirati cavalcaferrovia nella prossima primavera. Era l’inizio di febbraio quando l’annosa questione dei sovrappassi di Chiusa e Vaie e del sottopasso di S.Antonino veniva sbloccata con l’affidamento  del cantiere alla ditta Quadrio di Morbegno (Sondrio).
Fermo, invece, il cantiere del sottopasso accanto al cimitero di S.Antonino. Il Comune, infatti, ha posto una condizione: trovare una soluzione all’attraversamento della Dora che avviene sul vecchio ponte di San Valeriano (piuttosto stretto) costruito dopo l’alluvione del 1957.

Un punto che rischia di essere seriamente congestionato una volta realizzato il sottopasso e la nuova viabilità alternativa che collegherà Vaie e S.Antonino lungo viale XXV aprile, fino al sovrappasso in costruzione accanto al centro commerciale vaiese.  “Per risolvere il problema la cosa migliore sarebbe raddoppiare il ponte – spiega il sindaco Antonio Ferrentino – e su questo c’è un progetto della Provincia che però potrà essere realizzato chissa quando”. La soluzione, quindi, sarebbe provvisoria, con l’installazione di un impianto semaforico per regolare l’accesso sui due lati del ponte e da viale XXV aprile. “Finchè non c’è certezza sulla realizzazione del semaforo – fa presente Ferrentino – il Comune di S.Antonino non darà l’ok al proseguimento dei lavori per il sottopasso”.
BRUNO ANDOLFATTO