Una gran folla di valsusini e di sportivi proveniente da tutto il Piemonte (e non solo) ha dato questa mattina, sabato 18 febbraio, l’ultimo saluto ad Adriano Aschieris , deceduto improvvisamente mercoledì sera in seguito a  un attacco di cuore, mentre si trovava a casa sua, a Bussoleno.

Adriano Aschieris, classe ’52, é stato un grande uomo di sport, presidente regionale della Fidal, già fondatore e presidente per anni dell’Atletica Susa, già assessore allo sport di Susa, nonchè organizzatore di mille eventi, senza dimenticare che per un tempo lunghissimo è stato prezioso collaboratore de La Valsusa. Per tutti noi, dal direttore ai redattori e a tanti collaboratori del giornale, Adriano è stato  soprattutto un amico importante, valido, affettuoso, compagno e fratello in tanti e tanti momenti della vita. In questi giorni di dolore non troviamo altre parole, e ci stringiamo forte a Patrizia ed a tutti i suoi cari.

Lo ricordiamo con una foto, scattata da Marco Albano, storico collaboratore de La Valsusa, che la commenta con queste parole:adriano

“E’ una foto, di tanti anni fa, con Aschieris lanciato verso il traguardo, che ci dice tante cose: ci racconta la fatica della corsa ma anche il rispetto e l’amicizia fra avversari. Quell’arrivo tenendosi per mano ci emoziona ancora adesso.
È’ una foto di oltre trent’anni fa che ho scattato al Colle del Lys, in occasione della grande manifestazione per ricordare i caduti della Liberazione. Per diversi anni si è svolta in contemporanea la corsa podistica a staffetta con partenza da Almese. A 200 metri dal traguardo veniva data a chi era in testa la fiaccola per accendere il braciere ai piedi del monumento ai caduti”